Stop a violenze su animali, Lav in piazza

APPUNTAMENTI
Stop a violenze su animali, Lav in piazza

Lav sarà in piazza in molte città d’Italia (www.lav.it/lav-in-piazza) per fermare le violenze sugli animali. Appuntamento questo fine settimana (30-31 marzo) e il successivo (6-7 aprile) per firmare la petizione #chimaltrattapaga che chiede a governo e Parlamento di rafforzare la Legge 189/04, con pene più severe ed efficaci, e scegliere le uova di Pasqua Lav in cioccolato fondente e biologico del commercio equosolidale Altromercato, che aiuteranno l’associazione a prendersi cura degli animali sottratti ai maltrattamenti.


"A distanza di quindici anni dobbiamo e vogliamo migliorare la Legge 189/04, affinché nessun crimine contro gli animali resti impunito, nessuna vittima sia lasciata nelle mani del suo aguzzino, nessun responsabile sfugga alla giustizia e, perché, finalmente, i reati contro gli animali vengano riconosciuti in quanto tali, come atti diretti contro esseri viventi e non come semplice offesa al sentimento della pietà umana verso gli animali", dichiara Lav.

Ecco le richieste contenute nella petizione #chimaltrattapaga, in sintesi: pene più severe per chi maltratta animali (con aggravanti, ad esempio, se in presenza di minori), perché possano essere un più efficace deterrente; una nuova disciplina della confisca obbligatoria, al fine di impedire che l’animale resti in custodia e nella disponibilità del suo aguzzino; che la norma sia posta a protezione non solo del sentimento per gli animali, come è oggi, ma anche dell’animale stesso in quanto soggetto di diritto; che venga introdotto il reato di strage di animali (art. 544-bis c.p.) per contrastare le uccisioni di massa di animali, come ad esempio nei casi di avvelenamento; un quadro normativo che riconosca e valorizzi i Centri di accoglienza degli animali sequestrati e confiscati.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.