Home . Sostenibilita . Best Practices . Mazda anticipa Ue, gamma rispetta già nuove norme

Mazda anticipa Ue, gamma rispetta già nuove norme

BEST PRACTICES
Mazda anticipa Ue, gamma rispetta già nuove norme

Mazda 'gioca d'anticipo' sul fronte emissioni, annunciando che tutti i veicoli nuovi ordinati in fabbrica saranno certificati secondo i nuovi standard Euro 6d TEMP, che comprendono sia il nuovo e più rigido ciclo WLTP che le prove RDE (Real Driving Emissions) su strada. Il costruttore giapponese ha quindi convertito alle nuove norme tutti i modelli della sua gamma con oltre un anno d’anticipo rispetto alla loro entrata in vigore per i veicoli di prima immatricolazione. La consegna delle prime vetture Euro 6d TEMP inizierà a luglio.


Per giungere a questo risultato Mazda ha operato senza dover mettere in campo complessi - e costosi - dispositivi di post-trattamento allo scarico. Ad esempio, alcuni motori benzina Skyactiv-G ad iniezione diretta rispettano le norme Euro 6d Temp senza la necessità di filtri antiparticolato. Mazda è riuscita a rispondere ai nuovi limiti nella 'guida reale' sulla quantità di particolato solo con le modifiche apportate al motore. Altrettanto per i motori diesel, dove l’aggiunta di un sistema SCR (riduzione catalitica selettiva) allo Skyactiv-D 2.2 lo ha reso conforme ai limiti di NOX su strada delle norme Euro 6d Temp.

Invece, i motori a benzina Skyactiv-G, con il loro rapporto di compressione molto elevato e una speciale geometria della combustione, hanno reso inutile l'adozione di un filtro antiparticolato, ottenendo un taglio significativo delle emissioni di particolato - un problema per tanti motori a benzina a iniezione diretta – aumentando la pressione d’iniezione e migliorando sia la forma del pistone sia le condizioni del flusso nella camera di combustione. Contemporaneamente, i tecnici Mazda hanno migliorato l’efficienza nei consumi nell’uso reale riducendo ulteriormente le perdite per attrito e ottimizzando il sistema di raffreddamento.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.