Home . Sostenibilita . Best Practices . Il Paese della Sera, Michela Murgia firma copertina nuovo numero

Il Paese della Sera, Michela Murgia firma copertina nuovo numero

BEST PRACTICES
Il Paese della Sera, Michela Murgia firma copertina nuovo numero

"Esiste un mondo abitato da donne e da uomini dove però solo questi ultimi possono raccontare la politica e l’economia. Non è ai confini della galassia: è l’Italia, dove il livello di marginalità dell’opinione delle donne sui temi che fanno dibattito in una democrazia sana è altissimo". Così la scrittrice Michela Murgia firma la copertina “Escluse… al centro” per il nuovo numero del quindicinale Il Paese della Sera, in distribuzione gratuita da oggi fino al 28 ottobre sui treni Italo.


La riflessione di Michela Murgia parte dall’analisi delle prime pagine dei quotidiani. "La barriera del sessismo impedisce di riconoscere l’autorevolezza delle donne non solo per il generale maschilismo italiano, - continua la scrittrice - ma anche perché nelle scuole di giornalismo per anni il grado zero della comprensione degli articoli è stato la donna ignorante, la famigerata casalinga di Voghera, e mai il bracciante di Roncobilaccio".

"In un Paese dove la donna incarna il punto più basso della comprensione, a molti sembrerà ovvio che persino nel 2018 il mondo continuino a spiegarlo gli uomini, ma ovvio invece non è - continua Murgia - Insistere nel farlo notare suonerà certamente antipatico, ma non è con la simpatia che si fanno le rivoluzioni". Domenica 14 ottobre al Festival della Partecipazione dell'Aquila Michela Murgia presenta il suo romanzo "L'inferno è una buona memoria", edito da Marsilio.

E' dedicato al sindaco di Riace Domenico Lucano l'editoriale del direttore responsabile Luca Mattiucci, mentre nel Primo Piano di questo numero spazio alle buone pratiche di Italo per l'Agenda 2030 su ambiente, sicurezza e solidarietà. Con la giornalista Isabella Schiavone del Tg1 si scopre lo sguardo del giornalismo sociale sui temi dell’amore e della maternità. Inoltre, il boom delle Fondazioni di Comunità, che dal 1999 al 2017 hanno raccolto 168 milioni di euro per sostenere iniziative culturali, sociali e di tutela ambientale.

E, ancora, le tecnologie di diagnostica d’avanguardia utilizzate per il restauro del violino Storioni datato 1793, patrimonio della liuteria cremonese; le Scuole di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio che nella sola città di Roma hanno avviato all’integrazione oltre 60mila persone. Le notizie dai territori e l’approfondimento su arredi e filati green prodotti dalla ginestra calabrese a cura della redazione di AdnKronos Prometeo.

Il progetto sociale “Il Paese della Sera”, promuove l’inserimento lavorativo di ragazzi e ragazze italiani e migranti, in situazioni di disagio economico attraverso la distribuzione ogni mattina sui treni Italo a Milano e Napoli della omonima rivista. Un gruppo di giovani avviati a una nuova esperienza lavorativa e di integrazione sociale che permette loro di studiare e costruire un futuro diverso da quello che li aspettava.

Il progetto promosso dall’organizzazione WSC con la Comunità di Sant’Egidio è sostenuto da Italo Treno, Fondazione Bracco, Fondazione Cariplo, Fondazione CON IL SUD insieme al media partner Adnkronos. La rivista è realizzata a titolo volontario da un team di giornalisti che porta al pubblico notizie sui temi dell’innovazione sociale, un racconto lontano dalla retorica e attento a quanti sono già impegnati a costruire le risposte ai vecchi e nuovi bisogni di chi vive alle prese con la fragilità.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.