Cerca

Innovazione che crea valore, Novamont eccellenza della bioeconomia

Alla società di Novara il 'Business Performance Awards' di Ayming

BEST PRACTICES
Innovazione che crea valore, Novamont eccellenza della bioeconomia

Premiare progetti di trasformazione innovativi capaci di generare un valore economico, sociale e umano. E' il "Business Performance Awards", il premio, giunto alla terza edizione, promosso da Ayming, società francese di consulenza sui temi della fiscalità e dell’innovazione, assegnato alle aziende che hanno fatto dell’innovazione la leva con cui ridisegnare con successo processi e modelli. Tra queste Novamont, a cui va il premio speciale della giuria 'coup de coeur' per l’eccellenza conseguita nel settore della bioeconomia.


Azienda italiana leader mondiale nella produzione di bioplastiche e nello sviluppo di biochemical attraverso l'integrazione di chimica, ambiente e agricoltura, Novamont è conosciuta in tutto il mondo per il Mater-Bi, famiglia di bioplastiche bio-based, biodegradabili e compostabili in grado di risolvere problemi ambientali specifici.

Il riconoscimento è stato consegnato a Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont, dal presidente di Ayming Hervé Amar, nel corso della cerimonia che si è tenuta ieri a Parigi al Théâtre National de Chaillot alla presenza del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e del presidente di BusinessEurope Pierre Gattaz, con la partecipazione di oltre 1000 leader appartenenti al mondo dell’impresa e della politica di tutto il mondo.

Il 'Business Performance Awards' di Ayming è stato assegnato da una giuria di esperti indipendenti su circa 40 candidature pervenute. In particolare Novamont è stata premiata per i risultati conseguiti nella promozione di un modello di bioeconomia intesa come fattore di rigenerazione territoriale.

Tre i pilastri su cui si basa il modello Novamont: la rigenerazione di siti deindustrializzati, grazie a tecnologie proprietarie prime al mondo, al fine di creare bioraffinerie integrate con il territorio e interconnesse tra loro; lo sviluppo di catene di value chain agricole a basso impatto, attraverso la valorizzazione di terreni marginali non in competizione con la produzione alimentare, integrate nelle aree locali e connesse con le infrastrutture di bioeconomia e la progettazione di prodotti concepiti per fornire soluzioni a specifici problemi ambientali e sociali, preservando preziose risorse naturali come acqua e suolo.

“E’ un onore ricevere questo premio che ci dà modo di far conoscere il nostro approccio e la nostra visione ad una platea di aziende così qualificata”, commenta Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont, secondo cui “un modello di crescita e consumo efficiente, rigenerativo, basato sulla decarbonizzazione dell’economia, in un’ottica di sistema, ha bisogno di un cambio di mindset e di progetti interdisciplinari che stimolino la collaborazione tra attori diversi. La bioeconomia rappresenta questa opportunità per decarbonizzare l’economia e riconnetterla alla società”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.