Cerca

Tè 'verde', dal packaging alla sostenibilità sociale

Eliminata la plastica dalle confezioni e la bustina è a prova di umido

CSR
Tè 'verde', dal packaging alla sostenibilità sociale

(Fotolia)

Integrazione tra sostenibilità economica, sociale ed ambientale. Questa la visione di Lipton nei confronti della sostenibilità e che si traduce nell’attenzione alle risorse naturali, alla promozione sociale e alla crescita economica dei territori del Kenya in cui il tè viene coltivato. Dal 2015, anno di nascita del Progetto Kericho, dal nome della regione del Kenya nella quale opera, Lipton ha realizzato investimenti dei quali beneficia più di mezzo milione di cittadini Kenyoti.


A ciò si aggiungono i progetti di educazione primaria e secondaria e di assistenza sanitaria, attraverso i quali sono state anche costruite case, 2 ospedali e 4 centri medici. Grazie alla collaborazione con l'associazione internazionale no profit Rainforest Alliance, vengono portati avanti programmi di agricoltura sostenibile e di gestione del business. “Abbiamo certificato la prima piantagione di tè a Kericho nel 2007 - spiega Robbie Hogervorst, Global Strategy Manager di Rainforest Alliance - Insieme a Unilever abbiamo di fatto definito uno standard al quale si sono poi uniformati gli altri player del settore".

Sostenibilità anche nel packaging. I filtri del nuovo Yellow Label sono realizzati esclusivamente con carta e cotone provenienti da foreste e piantagioni gestite in modo responsabile e non contengono graffette metalliche, quelle utilizzate per sigillare il filtro. Questo permette di conferire le bustine nella raccolta dell’umido.

Tolta la pellicola di plastica attorno alla scatola, una scelta grazie alla quale sarà possibile eliminare circa 22 tonnellate di plastica, in linea con l’impegno globale di Unilever che prevede di dimezzare il suo utilizzo di plastica vergine, incrementare l’uso di plastica riciclata e ridurre l’uso complessivo di imballaggi in plastica di più di 100mila tonnellate entro il 2025, oltre ad aiutare a raccogliere e trasformare più imballaggi in plastica di quelli che vende.

Nell'ambito della collaborazione con UN Women, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile, realizza un programma di educazione e prevenzione sulla violenza di genere e sulla protezione dei minori, allo scopo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro nella regione.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.