Cerca

Todis sostiene Komen Italia per proteggere salute delle donne

Al via la 'La Carovana della Prevenzione'

CSR
Todis sostiene Komen Italia per proteggere salute delle donne

(Fotolia)

Todis, operante nella grande distribuzione organizzata di prossimità, sostiene Komen Italia per proteggere la salute delle donne in situazione di criticità economica e sociale con l’iniziativa “La Carovana della Prevenzione”. Un tour nelle principali piazze italiane di dieci giornate di prevenzione senologica che si svolgerà da ottobre 2020, mese della prevenzione, all’inizio del 2021. Il progetto prevederà l'utilizzo dell’unità mobile di prevenzione senologica, in grado di effettuare tutti gli esami per la diagnosi precoce dei tumori del seno, con spazi ambulatoriali, personale sanitario specializzato e tecnologie di ultima generazione tra cui mammografo digitale ed ecografo portatile.


A tutte le donne che si sottoporranno agli screening gratuiti sarà regalata una borsa brandizzata con i loghi dell’iniziativa contenente prodotti a marchio Todis. La prima tappa della 'Carovana della Prevenzione' si svolgerà a Roma: domenica 11 ottobre all’Eur, lunedì 12 ottobre in Piazza San Giovanni, e giovedì 15 ottobre a Piazza Sempione. Durante ciascuna giornata, circa 50 donne, non rientranti nei programmi di screening regionali, avranno la possibilità di effettuare visite senologiche, ecografie mammarie e mammografie (per informazioni e prenotazioni: www.todis.it; www.komen.it).

“Siamo molto orgogliosi di questa nuova collaborazione con Todis che ci permette di portare la nostra Carovana della Prevenzione in diversi quartieri di Roma e in altre città italiane. La Carovana si propone proprio di portare la prevenzione dove ce n'è più bisogno e in particolare a favore di donne che vivono in condizioni di disagio sociale o economico” dichiara Riccardo Masetti, presidente di Komen Italia.

“Offrire queste opportunità di diagnosi precoce alle donne riflette l'impegno di Komen Italia in un momento in cui la pandemia ha rallentato, anzi fermato completamente, gli screening” conclude Masetti. Secondo Komen Italia, infatti, durante i cinque mesi di pandemia, gli screening al seno si sono notevolmente ridotti di 1.400.000 esami, ciò significa che 2.000 donne con tumore al seno che avrebbero potuto ricevere una diagnosi in fase iniziale, si troveranno ad affrontare la malattia più avanti nel tempo e in uno stadio più avanzato.

“Sosteniamo con impegno e grande convinzione per la prima volta Komen Italia in questa iniziativa molto importante per la lotta contro il tumore al seno” afferma Massimo Lucentini, direttore generale Todis. “La tutela della salute femminile, che passa anche attraverso la promozione di stili di vita sostenibili, rientra nei nostri principali obiettivi di responsabilità sociale d’impresa, perché siamo convinti che il ruolo della donna sia fondamentale per il benessere della collettività in ambito lavorativo, familiare e sociale” conclude Lucentini.

Per tutto il mese di ottobre, sul sito internet prevenzione.komen.it si potrà̀ donare, ricevere informazioni e diventare Ambasciatore della Prevenzione. Ancora una volta, tutti i donatori potranno ricevere a casa il Ribbon Rosa, simbolo di Komen Italia e della lotta ai tumori del seno, per indossarlo e sensibilizzare le donne sulle piccole azioni quotidiane che possono aiutare a proteggere la propria salute.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.