Cerca

Nasce Italy for Climate, una Roadmap per emissioni zero al 2050

Ronchi, 'Italia deve essere protagonista di questa sfida sull’ambiente'

IN PRIVATO
Nasce Italy for Climate, una Roadmap per emissioni zero al 2050

(Fotolia)

Supportare la transizione verso un’economia carbon neutral e promuovere un dibattito diffuso e informato sui temi del clima e dell’energia in Italia. E' questo l'obiettivo del progetto 'Italy for Climate', lanciato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, durante Cop25, in partnership con una serie di imprese particolarmente sensibili al tema del cambiamento climatico.


"La nostra iniziativa Italy for Climate - dichiara Edo Rochi, presidente della Fondazione sviluppo sostenibile e firmatario del protocollo di Kyoto quando era ministro dell’Ambiente - punta a rendere l’Italia protagonista di questa sfida, dimezzando le emissioni nazionali di gas serra al 2030 con il coinvolgimento di cittadini, imprese, città e Regioni e del Governo e creando centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. Chi agirà per primo e con decisione per tagliare le emissioni di gas serra avrà una serie di vantaggi non solo ambientali ma anche economici e occupazionali anche sul breve termine".

Al 2025, infatti, Italy for Climate stima un impatto positivo connesso alla transizione energetica quantificato con circa 800mila nuovi posti di lavoro e oltre 240 miliardi di valore aggiunto generato. Numeri importanti, soprattutto se confrontati con i costi del 'non fare nulla' che potranno equivalere nei prossimi decenni alla perdita dell’8% del Pil ogni anno, vale a dire 130 miliardi di euro.

Italy for Climate ha elaborato una Roadmap, in linea con i nuovi indirizzi europei, che prevede un taglio di almeno il 50% delle emissioni nazionali di gas serra, al netto del carbonio assorbito, entro il 2030 rispetto ai valori del 1990 (siamo oggi al 18% di riduzione) e un azzeramento entro il 2050.

La Roadmap di Italy for Climate si basa su 7 pilastri: Transizione energetica; Economia circolare; Decarbonizzazione dei trasporti; Adattamento al cambiamento climatico; Agricoltura, gestione delle foreste e dei suoli; Ricerca, innovazione e digitalizzazione; Far pagare le emissioni di carbonio.

"Serve, però - secondo Italy for Climate - una riforma fiscale in chiave ecologica e di inclusività sociale che, da un lato, lavori sulla dimensione europea per introdurre una border carbon tax che tuteli le nostre imprese da dumping ambientale e riveda i parametri economici europei, e dall’altro lavori sulla dimensione nazionale per la progressiva introduzione di una carbon tax come sta avvenendo in molti Paesi anche europei, Francia e Germania inclusi, e a una revisione dell’attuale sistema dei sussidi ambientali che favoriscano direttamente o indirettamente l’uso di combustibili fossili". I primi promotori di Italy for Climate sono: Conou, Ing, Erg, e2i, davines e Illy.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.