Cerca

Fondazione Santa Lucia e Banco Alimentare insieme contro lo spreco alimentare

Da febbraio dona all’associazione le eccedenze alimentari prodotte dalla mensa

IN PRIVATO
Fondazione Santa Lucia e Banco Alimentare insieme contro lo spreco alimentare

La Fondazione Santa Lucia di Roma con il Banco Alimentare del Lazio per la lotta alla povertà e allo spreco alimentare. La struttura ospedaliera, la prima a farlo nel Lazio, da febbraio dona all’associazione le eccedenze alimentari prodotte dalla mensa, gestita dalla Pellegrini, già impegnata con il Banco Alimentare nella lotta allo spreco.


Il recupero dal Santa Lucia è stato l’unico attivo anche durante il lockdown, trattandosi di una mensa di una struttura ospedaliera che ha continuato a prestare assistenza ai pazienti a differenza delle mense aziendali che sono state invece chiuse. I pasti donati dalla Fondazione Santa Lucia Irccs, circa 500 portate al mese, vengono consegnate agli indigenti assistiti alla mensa della Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio.

“La grave crisi che stiamo vivendo rende sempre più necessaria l’alleanza tra il terzo settore e il mondo dell’imprenditoria. Quest’oggi -dichiara il presidente di Banco Alimentare del Lazio Giuliano Visconti - il Banco del Lazio raggiunge un piccolo traguardo cominciando il suo primo recupero da una struttura sanitaria, e lo fa grazie al sostegno di due partner così importanti come Fondazione Santa Lucia e Pellegrini Spa. Ci auguriamo che altre strutture sanitarie possano seguire quest’esempio e si alleino con noi contro lo spreco alimentare al fianco dei più deboli”.

“La nostra azienda – afferma la vice presidente di Pellegrini, Valentina Pellegrini - è orgogliosa del bellissimo rapporto che ci lega alla Fondazione Santa Lucia e a Banco Alimentare. Su circa 600 pasti giornalieri, avere eccedenze per 5 pasti al giorno significa che gli utenti finali credono nel concetto di sostenibilità, che le nostre maestranze sono preparate per evitare gli sprechi alimentari e, infine, che tutti attraverso l’attività del Banco Alimentare contribuiamo al bene comune. Noi lavoriamo costantemente nella direzione della Sostenibilità, che inizia a monte, nel progettare un servizio di ristorazione che consumi meno risorse ambientali possibile, minimizzando la nostra impronta su ciò che ci circonda.”

Per Maria Adriana Amadio, presidente dell’Irccs Santa Lucia, "il recupero delle eccedenze alimentari, inevitabili in una grande realtà ospedaliera con oltre 300 posti letto, rientra nelle nostre attività quotidiane a favore delle persone. Un’alimentazione adeguata è parte dei percorsi di neuroriabilitazione e con questa collaborazione intendiamo contribuire allo sforzo che l’intera società sta affrontando per la sostenibilità; ci auguriamo che possa essere seguita da altre realtà ospedaliere. Oggi siamo felici di condividere i nostri valori grazie alla collaborazione con il Banco Alimentare, con il Gruppo Pellegrini e alla presenza della deputata Maria Chiara Gadda, prima firmataria della legge ‘antisprechi’”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.