Cerca

Raee, per gli studenti di Assisi arriva il riciclo incentivante

IN PUBBLICO
Raee, per gli studenti di Assisi arriva il riciclo incentivante

Incrementare la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici. E' questo l'obiettivo del progetto rivolto gli alunni (ma anche a tutta la comunità) del Comune di Assisi (PG), dove sono stati installati due Raee box, punti di conferimento per la raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici. Il progetto intende incrementare la raccolta dei Raee, con un’attenzione particolare agli R4.


Si tratta dei piccoli dispositivi di uso quotidiano come telefoni, carica batterie, calcolatrici, giochi elettronici, oggetti di cui fanno largo uso soprattutto i più giovani e che troppo spesso rischiano di essere gettati come indifferenziato, sfuggendo così ai circuiti di recupero, nonostante per legge possano anche essere portati, con il decreto “uno contro zero”, presso i negozi di elettrodomestici.

In Italia nel 2015 si è registrato un trend positivo della quantità di Raee correttamente intercettata e avviata a recupero, con un +8% rispetto all’anno precedente, secondo quanto riportato dal Centro di Coordinamento Raee nel rapporto annuale 2015. I riciclatori incentivanti Raee Box, prodotti e distribuiti dalla veneta Eurven, e attivati grazie al contributo del consorzio Cdc Raee e alla collaborazione di Ecocave Srl, permetteranno agli studenti e ai cittadini che introdurranno correttamente i rifiuti di ottenere scontrini ed ecobonus che garantiranno premi per le scuole in proporzione ai risultati raggiunti.

Il servizio è stato attivato presso l’Istituto Comprensivo Assisi 3 di Petrignano e l’Istituto Comprensivo Assisi 2 di Santa Maria degli Angeli. Non solo Assisi, ma anche Sassuolo, Modena e Manerba del Garda hanno scelto di portare l’educazione ambientale nelle scuola con il riciclo incentivante di Eurven. L’Istituto Tecnico Industriale Volta di Sassuolo e dall’Ipsia Ferrari di Maranello, in provincia di Modena hanno infatti adottato i riciclatori di lattine in alluminio e bottiglie Pet.

A Manerba del Garda invece l’istituto Comprensivo della Valtenesi, che raccoglie scuole materne, primarie e secondarie, ha attivato i riciclatori con tecnologia Cash For Trash: per ogni bottiglia o lattina inserita nell’eco-compattatore, 2Pay, l’app su smartphone che permette di semplificare il processo di pagamento abbattendo i costi delle transazioni, riconosce 1 centesimo che viene caricato automaticamente sullo smartphone.

Scaricando l’applicazione gratuita di 2Pay e registrandosi, i cittadini virtuosi potranno riempire il borsellino elettronico semplicemente conferendo correttamente i rifiuti. I soldi accumulati sullo smartphone potranno successivamente essere spesi nelle attività commerciali di Manerba aderenti al progetto o in quelle convenzionate con 2Pay in tutta Italia.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.