Cerca

La Groenlandia si 'scioglie', mare potrebbe alzarsi di 7 mt

RISORSE
La Groenlandia si 'scioglie', mare potrebbe alzarsi di 7 mt

(Fotolia)

I ghiacci della Groenlandia si stanno sciogliendo più velocemente di quanto previsto, e il rischio è l'impatto che questo può avere sull'innalzamento del livello dei mari a livello globale che, a causa del fenomeno, potrebbe arrivare a ben sette metri. A rilevarlo è un nuovo studio della National Academy of Sciences (Pnas).


Rispetto a quanto rilevato nel 2003, stando allo studio, la perdita di ghiaccio della Groenlandia è quadruplicata e tra il 2003 e il 2013 la più massiccia perdita di ghiacci arriva dalla Groenlandia sud-occidentale, una regione precedentemente non considerata come un attore cruciale nell'innalzamento del livello del mare.

"Sapevamo di avere un grosso problema con l'aumento dei tassi di scarico dei ghiacci da parte di alcuni grandi ghiacciai di sbocco - spiega Michael Bevis, autore principale dello studio e professore di geodinamica presso la Ohio State University - ma ora registriamo un secondo serio problema: sempre più grandi quantità di ghiaccio si stanno sciogliendo, trasformandosi in fiumi che sfociano nel mare".

Questo scioglimento della massa superficiale, che secondo gli autori dello studio è una conseguenza del riscaldamento globale, è destinato a "diventare un importante contributo futuro all'innalzamento del livello del mare. L'unica cosa che possiamo fare è adattare e mitigare l'ulteriore riscaldamento globale, ma è troppo tardi perché non ci sia alcun effetto", sottolinea Bevis, ammettendo che il ghiaccio "ha raggiunto un punto critico".

Nel dicembre 2018, un altro studio pubblicato dalla rivista scientifica Nature ha scoperto che il deflusso dalla calotta glaciale della Groenlandia, che contiene abbastanza ghiaccio per innalzare i livelli globali del mare di sette metri e che in alcuni punti supera lo spessore di 1,6 km, è aumentato del 33% rispetto a quello del XX secolo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.