Cerca

Vittime di un virus e della plastica, ecco cosa sta uccidendo le balene

Greenpeace, plastica nello stomaco dell'84% capodogli spiaggiati, 5 su 6 positivi al virus

RISORSE
Vittime di un virus e della plastica, ecco cosa sta uccidendo le balene

Un quarto dei cetacei analizzati spiaggiati lungo le nostre coste negli ultimi anni è morto per cause imputabili all’uomo, in particolare interazioni con attività di pesca. Ma ora a minacciarle ci sono anche la plastica e un virus che preoccupa gli scienziati. Lo rileva un rapporto sulle principali cause di spiaggiamento dei cetacei lungo le coste italiane commissionato da Greenpeace ai veterinari del dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione dell’Università di Padova.


Secondo il rapporto, diffuso oggi in occasione della Giornata mondiale per la conservazione della natura, l’84% dei capodogli spiaggiati tra il 2008 e il 2019, su cui si sono condotte delle analisi, aveva nel proprio stomaco frammenti di plastica, con il ritrovamento straordinario di ben 22 chili di plastica nella femmina spiaggiata a Olbia a inizio 2019. Teli per l’agricoltura, buste, filamenti derivati dalla frammentazione della plastica, che si accumulano nei loro stomaci e anche se non uccidono i cetacei li debilitano, alterando la loro funzionalità intestinale, facendoli faticare per nutrirsi e favorendo l’emergere di altre problematiche.

Poi c'è l’intrappolamento nelle reti, che sempre più spesso si trovano abbandonate in mare e che vanno ad acuire la contaminazione da plastica, ma anche l’uso di reti illegali, come le spadare, che nei giorni scorsi hanno intrappolato ben due capodogli al largo delle Eolie.

E a preoccupare i veterinari, anche l’isolamento di un virus, quello del morbillo dei cetacei, che dopo gravi epidemie di stenelle tra il 1990 e il 2008, sembra adesso riemergere tra diverse specie di cetacei, soprattutto associato ad altri stress ambientali. Cinque dei sei capodogli analizzati spiaggiati nell’estate 2019, proprio all’inizio della precedente spedizione di Greenpeace nel Tirreno centrale, sono risultati positivi al virus.

A mettere in allarme è che si sta verificando per questo virus, proprio come per quello della Sars e del Covid-19, l’effetto spillover ovvero il 'salto di specie', arrivando fino a specie anche lontane come lontre di fiume e foche.

In soli sette mesi, a cavallo tra il 2018 e 2019, sono morti 26 capodogli nel Mediterraneo occidentale, di cui 16 solo sulle coste italiane. Un duro colpo per una popolazione che in Mediterraneo è stimata in circa 2mila esemplari.

Per Sandro Mazzariol dell’Università di Padova, autore della ricerca, "lo studio delle cause di morte di questi animali è uno strumento fondamentale per la ricerca e la conservazione, ma anche per la tutela della salute umana. In Italia lo sforzo dei colleghi veterinari degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali e degli enti di ricerca per raccogliere dati è enorme ma la Rete nazionale istituita nel 2015 va resa operativa al più presto in modo da garantire una raccolta dati omogenea su tutto il territorio italiano”.

“Non possiamo permettere - aggiunge Giorgia Monti, campagna Mare di Greenpeace - che attività illegali e il degrado ambientale causato dall’uomo, a partire dall’inquinamento da plastica, facciano scomparire questi animali dai nostri mari. La vulnerabilità dei cetacei a un virus dipende anche dallo stress causato da un ambiente malato, l'uomo è quindi complice di questa epidemia È fondamentale per la loro e la nostra salute proteggerli. Non c’è salute in un pianeta malato, e per loro non vi è futuro in un mare malato”.

Greenpeace e Istituto Tethys hanno inviato proprio ieri una lettera al ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova per chiedere maggiori controlli e sanzioni per fermare l’uso delle spadare, i così detti “muri della morte”, che continuano a essere utilizzate nonostante siano state messe al bando dal 2002 perché responsabili della morte accidentale di migliaia di animali marini.

Inoltre, sottolinea Greenpeace, per tutelare questi animali servono aree protette dove limitare l’impatto dell’uomo. In Italia dal 1999 è stato istituito il Santuario dei Cetacei, ma ad oggi nulla è stato fatto per tutelare davvero l’area.

Domani la spedizione “Difendiamo il mare” di Greenpeace, condotta con la barca a vela Bamboo della Fondazione Exodus, partirà da Lavagna per studiare i cetacei del Mar Ligure insieme a ricercatori dell’Istituto Tethys.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.