Cerca

Quattro giovani capovaccai liberati a Matera

Con operazione condotta da Ispra, Associazione Cerm e Società Biodiversità

RISORSE
Quattro giovani capovaccai liberati a Matera

(Ispra)

Quattro giovani capovaccai sono stati liberati a Matera il 15 agosto scorso nell’ambito del progetto Life Egyptian vulture. Lo rende noto l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.


L’operazione - spiega Ispra - "così come la successiva attività di monitoraggio dei giovani rilasciati, è stata condotta dal personale Ispra insieme all’Associazione Cerm e alla Società Biodiversità, quest’ultima incaricata di seguire l’allevamento dei capovaccai in cattività e di collaborare nelle delicate fasi del rilascio".

"Clint, Birba, Fabio e Zoe, questi i loro nomi, sono rimasti per cinque giorni in una cassa-nido collocata nel Parco Naturale della Murgia Materana, all'interno di una stazione di alimentazione supplementare per rapaci sottoposta a vigilanza video controllata online - spiega Ispra - Questa stessa struttura aveva ospitato, per un breve periodo di ambientamento, anche i 10 capovaccai che erano stati liberati negli anni 2018 e 2019".

I quattro i soggetti liberati "sono nati in cattività al Cerm (Centro Rapaci Minacciati), ma in anni diversi: Clint e Birba sono giovani dell’anno, mentre Zoe è nata nel 2019 e Fabio nel 2018. La scelta di liberare animali di età differenti è finalizzata a comprendere quale sia l'età in cui i soggetti abbiano maggiori probabilità di sopravvivere una volta rilasciati in natura".

Per prevenire episodi di disturbo e bracconaggio, i Carabinieri Forestali hanno svolto "attività di controllo della zona, nell’ambito di un accordo stipulato con Ispra; la sorveglianza degli animali è poi stata intensificata lungo la rotta di migrazione, in particolare in provincia di Trapani. In quest’area, importante per la sosta e il transito di molti rapaci migratori, il rischio di bracconaggio risulta elevato e l’attività di vigilanza è essenziale per prevenire uccisioni illegali".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.