Bimbi, bocciati 'primi passi' e girelli. No anche a guinzaglio e box

TENDENZE
Bimbi, bocciati 'primi passi' e girelli. No anche a guinzaglio e box

(Infophoto)

Non solo il girello, anche il tanto diffuso 'primi passi' non aiuta ad imparare a camminare e in certi casi può essere anche pericoloso. Bocciati anche guinzaglio e box. La parola è dell'esperto che invece promuove a pieni voti il marsupio: “il bimbo è in una posizione comoda ed ha il grande vantaggio di stare abbracciato con la propria mamma o con il proprio papà”. A tracciare un quadro all'Adnkronos, della funzionalità degli oggetti di uso comune per i più piccoli, è Italo Farnetani, pediatra di Milano Bicocca.


Con il girello, spiega Farnetani, “il bambino, abituato a spingere con la pancia, tende a camminare sulle punte e mettendo in fuori l'addome”. Stesso discorso per il 'primi passi': “il bimbo invece della pancia, spinge con le braccia, ma si sbilancia sempre in avanti”.

Secondo l'esperto, dunque, con il girello e il 'primi passi' si “disimpara a camminare”. Per non parlare dell'aspetto sicurezza. Questi carrelli, avverte il pediatra, “sono pericolosi soprattutto in presenza di scale”. Attenzione, dunque, a lasciare aperte le porte.

Tra gli oggetti per bambini, l'esperto boccia anche il guinzaglio, definito “antifisiologico” e il box. Secondo il pediatra, infatti, “mettere il bambino in gabbia è controindicato. Lo sconsiglio. Meglio lasciare il proprio piccolo libero di muoversi su un tappeto”.

Ma ci sono anche altri oggetti ai quali bisogna prestare particolare attenzione. Si parte con il ciuccio: “deve essere un pezzo unico e la catenella va attaccata solo ai vestiti”. Quando si sceglie il lettino, invece, “prestare attenzione alla distanza delle sbarre, non deve superare gli 11 cm per evitare che il piccolo possa restare incastrato con la testa”.

In particolare, secondo Farnetani, “sono quattro gli oggetti indispensabili per i più piccoli: Il primo è il lettino pieghevole, “fondamentale per chi si sposta frequentemente”. Ci sono poi passeggino e seggiolone che, ricorda l'esperto “deve avere una base larga e l'altezza pari a quella dei genitori seduti al tavolo”. Promossi anche i seggioloni da applicare al tavolo. Infine, l'ovetto per la macchina: “è obbligatorio e consente di viaggiare in modo sicuro”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.