Home . Sostenibilita . Tendenze . Esce 'Frutta secca e semi vegolosi', nuovo libro magazine Vegolosi.it

Esce 'Frutta secca e semi vegolosi', nuovo libro magazine Vegolosi.it

TENDENZE
Esce 'Frutta secca e semi vegolosi', nuovo libro magazine Vegolosi.it

Andrebbe consumata tutti i giorni, non fa ingrassare e, oltre a essere un pratico e sano snack spezza fame, può essere usata in cucina come ingrediente base per preparare moltissime ricette sia dolci che salate. Il magazine di cultura e cucina 100% vegetale Vegolosi.it dedica il suo ultimo libro 'Frutta secca e semi vegolosi' (edito da Gribaudo-Feltrinelli) a frutta a guscio, semi oleosi e frutta essiccata. Il manuale di cucina sarà distribuito in tutte le librerie d’Italia a partire dal 31 ottobre.

Si tratta del sesto volume dedicato alla cucina a base vegetale realizzato dal magazine online. Mandorle, nocciole, anacardi, pistacchi, arachidi, pinoli e noci di tutti i tipi, ma anche semi di zucca, di girasole, di lino, di chia e di canapa: il libro presenta schede e consigli sugli alimenti, preparazioni di base e abbinamenti, oltre 60 ricette a base 100% vegetale, dagli antipasti ai dolci, e i suggerimenti della nutrizionista Silvia Goggi.

Il manuale racconta anche curiosità e falsi miti su questi superfood: la frutta secca e i semi oleosi, insieme ai legumi, costituiscono la fonte proteica preferenziale della piramide alimentare mediterranea. Per questo andrebbero consumati tutti i giorni. La dose minima consigliata? Circa 30 g al giorno, pari a circa cinque noci già sgusciate.

E ancora: contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la frutta secca non fa ingrassare. La frutta secca e i semi hanno tante calorie, ma hanno anche il pregio di contenere un’elevata quantità di fibre: questo, unito alle proteine e ai grassi, che scatenano la produzione dei neurotrasmettitori della sazietà, riduce la quantità di cibo assunto successivamente. Chi consuma frutta secca regolarmente è quindi meno incline a introdurre più calorie del dovuto.

Dal punto di vista nutrizionale la frutta essiccata differisce dalla frutta secca perché appartiene al gruppo alimentare della frutta fresca della quale conserva le stesse caratteristiche, ma con un minore contenuto di acqua, sottratta attraverso un processo di disidratazione che concentra zuccheri e altri nutrienti. Ridotte in farina, mele, banane, arance e fragole essiccate sono perfette come ingrediente base per le preparazioni dolci.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.