Cerca

App Junker, al via la raccolta differenziata 4.0

TENDENZE
App Junker, al via la raccolta differenziata 4.0

Le più avanzate tecniche di riconoscimento immagine applicate alla raccolta differenziata. Da oggi grazie a Junker, app lanciata 5 anni fa da una start up innovativa, per sapere dove gettare un prodotto basta inquadrarlo e scattare una foto. L’obiettivo è aiutare i cittadini a differenziare di più e meglio i rifiuti.


Finora l’app, che è tradotta in 10 lingue ed è accessibile anche ai non vedenti, offriva agli utenti tre modalità di ricerca: per scansione del codice a barre, per simboli o per ricerca testuale. Da oggi per sapere dove gettare un rifiuto basterà fotografarlo e inviare l’immagine al sistema che, grazie ai suoi algoritmi, riconoscerà l’oggetto e risponderà fornendo tutte le informazioni sui materiali che lo compongono e sulle corrette modalità di conferimento.

"È l’inizio della raccolta differenziata 4.0 - sottolinea Giacomo Farneti, ideatore dell’app - Un cambiamento d’approccio, destinato a rivoluzionare la gestione dei rifiuti urbani, aumentando l’empowerment e il coinvolgimento dei cittadini".

Un risultato frutto di molti mesi di lavoro per mettere a punto questa tecnologia sperimentale basata su un sistema di apprendimento automatico che si evolve grazie alla collaborazione degli utenti. Giorno dopo giorno, dunque, le fotografie e i feedback degli utilizzatori andranno ad accrescere il patrimonio di conoscenza dell’app, che già oggi riconosce oltre 1,6 milioni di prodotti.

L’app, che è scaricabile gratuitamente dagli utenti e ha superato il milione di download, è già stata scelta da quasi 800 Comuni italiani per migliorare la qualità della raccolta differenziata e ridurre l’impronta ecologica dei cittadini.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.