cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Droga: spaccio tra viterbese e Argentario, blitz dei carabinieri

11 giugno 2015 | 08.55
LETTURA: 2 minuti

Nascondevano lo stupefacente lungo la linea ferroviaria

alternate text

Oltre 60 militari del comando provinciale dei Carabinieri di Viterbo e 30 dei comandi provinciali interessati, unità cinofile di Roma, Firenze e Sarno (Salerno) e un elicottero del Rac di Pratica di Mare sulla Provincia di Viterbo sono impegnati in una serie di arresti e perquisizioni tra Pescia Romana (Viterbo), Capalbio (Grosseto), Orbetello (Grosseto) e nelle provincie di Terni, Firenze, Roma, Cosenza e Napoli. Otto le misure cautelari emesse dal gip di Civitavecchia nei confronti di altrettanti albanesi, romeni e italiani, responsabili a vario titolo di estorsione, spaccio di sostanze stupefacenti e morte di una persona come conseguenza di altro reato.

Le misure cautelari concludono un’articolata indagine che ha consentito di sgominare un’intera banda, tra cui una famiglia albanese, dedita allo spaccio di ingenti quantità di cocaina e hashish nei comuni della costa Viterbese e dell’Argentario. L’attività di indagine fu avviata nella primavera del 2014 a seguito del suicidio di un noto imprenditore edile locale indebitatosi fortemente per l’acquisto delle sostanze stupefacenti.

Nel corso delle indagini è emerso che gli spacciatori, per eludere le indagini, occultavano lo stupefacente lungo la linea ferroviaria per poi recuperarlo all’occorrenza portandosi dietro i figli minori per non destare sospetti. I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 al Comando Provinciale Carabinieri di Viterbo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza