cerca CERCA
Martedì 11 Maggio 2021
Aggiornato: 08:18
Temi caldi

Spazio, da e-Geos mappe satellitari a Protezione Civile e Regione Lazio

22 aprile 2021 | 13.11
LETTURA: 3 minuti

Satelliti e piattaforma MapCy in campo per la gestione delle emergenze ambientali come incendi e alluvioni

alternate text
(Foto e-Geos-Telespazio-Asi)

I satelliti al servizio delle emergenze ambientali. e-Geos, l'azienda costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%) leader nel settore della geoinformazione, ha annunciato di avere firmato un contratto con la Regione Lazio per la fornitura di mappe satellitari alla Protezione Civile regionale per la gestione delle emergenze, in particolare nel caso di incendi o di alluvioni. La joint venture spiega che i servizi saranno erogati da e-Geos attraverso la piattaforma MapCy, sviluppata dalla società per fornire agli utenti contenuti informativi geografici rapidi a supporto della gestione di eventi emergenziali o a scopo di business intelligence.

I servizi forniti, evidenzia ancora e-Geos, sono in grado di soddisfare in Near Real Time le richieste degli enti preposti al soccorso, che ricevono dati geografici e mappe standard o personalizzate. "Siamo orgogliosi di poter mettere al servizio della Regione Lazio la lunga e consolidata esperienza di eGeos nel settore della gestione delle emergenze, che è da anni il fiore all’occhiello della nostra società in Europa e nel mondo" commenta Paolo Minciacchi, Amministratore delegato di e-Geos.

"Questa è l’Italia che ci piace: e-Geos è una importante azienda laziale del Gruppo Leonardo, leader in Europa nel campo delle soluzioni e dei servizi satellitari" sottolinea l’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli. "L’accordo con la Protezione Civile della Regione Lazio -aggiunge Orneli- è un esempio di come le tecnologie aerospaziali possano contribuire a generare innovazione e collaborazioni che migliorano concretamente la vita delle persone".

"L’Agenzia di Protezione Civile della Regione Lazio -ha riferito il Direttore Agenzia Regionale Protezione Civile della Regione Lazio, Carmelo Tulumello- sta completando la propria piattaforma informatica (Seipci) per la gestione di tutte le proprie attività istituzionali, dalla gestione degli eventi in sala operativa, alla gestione del volontariato con relativi mezzi e attrezzature, dalla formazione alla ricognizione e stima dei danni a seguito di una calamità naturale". "In parallelo – ha aggiunto Tulumello – si sta sviluppando un modulo della piattaforma dedicato alla pianificazione di protezione civile che, raccogliendo e condividendo tutte le informazioni dei piani dialoghi con gli altri moduli gestionali e che consenta di utilizzare al meglio, nella prevenzione dei rischi, tutte le informazioni prodotte dal Centro Funzionale Regionale con l’attività quotidiana di previsione, monitoraggio e sorveglianza. In questo senso un contributo ulteriore è dato dalle mappe satellitari fornite dal programma europeo Copernicus-Ems, impiegate per esempio nell’alluvione della piana di Rieti del febbraio 2021".

e-Geos, integrando l’offerta complessiva del Gruppo Leonardo nei servizi a supporto delle emergenze, detiene una leadership a livello europeo nella geoinformazione ed è capofila del consorzio industriale internazionale che dal 2012 eroga il Servizio Copernicus Ems Rapid Mapping per la Commissione Europea. Il Team Emergency di e-Geos, attivo 7 giorni su 7 e h24, è composto da figure professionali altamente specializzate per la fornitura in tutto il mondo di prodotti e servizi basati su immagini satellitari a supporto di disastri naturali, incidenti industriali, crisi umanitarie, grandi eventi.

e-Geos eroga prodotti pre-evento - cioè mappe dell’area investita dall’emergenza generati utilizzando immagini e dati di archivio per avere lo stato aggiornato di strade, edifici, infrastrutture prima dell’evento - e post-evento, delle aree colpite. Tutti i prodotti si basano su immagini satellitari acquisite durante o immediatamente dopo l’evento stesso utilizzando il sensore più idoneo: satellitare - ottico o radar -, aereo o da drone, integrando i dati anche con informazioni ricavate dai social media o in situ.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza