cerca CERCA
Lunedì 27 Giugno 2022
Aggiornato: 02:03
Temi caldi
SPECIALE
Le mafie ai tempi dei social

Le mafie ai tempi dei social

alternate text

Mafia, Foti (Fond. Magna Grecia): "Cambia aspetto insieme alla collettività"

"La fondazione oggi ha voluto approfondire sia sul piano accademico, sia sul piano giornalistico e speriamo un domani anche sul piano operativo le conseguenze fortemente dannose legate alle dinamiche di una mafia che cambia aspetto insieme alla collettività e acquisisce nuove forme, nuovi linguaggi e nuovi mezzi di comunicazione". Così Nino Foti, presidente della Fondazione Magna Grecia, al termine il corso di alta formazione 'Le mafie ai tempi dei social', organizzato dalla Fondazione Magna Grec...

alternate text

Come cambiano le mafie ai tempi dei social, esperti a confronto a Roma

Come cambiano le mafie al tempo dei social? Quale ruolo hanno le istituzioni e la giustizia? Come devono comportarsi i media e quale responsabilità hanno le piattaforme di condivisione? Sono alcune delle domande che faranno da filo conduttore alla due giorni, giovedì 26 e venerdì 27 maggio, organizzata dalla Fondazione Magna Grecia in partnership con il Gruppo Pubbliemme – Diemmecom – LaC Network – ViaCondotti21 e l’Università Luiss Guido Carli, dedicata al rapporto tra mafie e social network. “L...

alternate text

Gratteri: ''Serve capire come le mafie sfruttano la tecnologia e come utilizzarla per contrastarle''

Nicola Gratteri, Procuratore della Repubblica di Catanzaro, a margine del Convegno “Le mafie ai tempi dei social network” organizzato dalla Fondazione “Magna Grecia” con il Gruppo Publiemme, Diemmecom, La C Network, ViaCondotti21 e l’Universitá Luiss Guido Carli, ha dichiarato: «Le mafie non sono strutture statiche. Mutano con il mutare sociale e interagiscono con la società utilizzando le stesse tecnologie che usiamo noi, sfruttandole per farsi pubblicità . Ragionano insomma come un’impresa: att...

alternate text

Palazzolo (La Repubblica): "La criminalità organizzata tenta di orientare la politica tramite l’uso dei social"

A margine all’evento “Le mafie ai tempi dei social”, organizzato dalla Fondazione MAGNA GRECIA, in partnership con il Gruppo Pubbliemme, Diemmecom, LaC Network, ViaCondotti21 e l’Università Luiss Guido Carli, Salvo Palazzolo, saggista e giornalista de La Repubblica ha dichiarato: «Oggi i boss mafiosi hanno messo in campo una strategia per orientare ancora una volta la politica e la legislazione antimafia, come accaduto nel passato. In Sicilia la comunità sta pagando un prezzo altissimo: sono stat...

alternate text

Ravveduto (Università di Salerno): “'La google generation criminale' è in grado di avvalersi degli strumenti social come tutti i giovani”

Marcello Ravveduto, docente dell’Università di Salerno, è intervenuto al corso di formazione “Le mafie ai tempi dei social”, organizzato dalla Fondazione MAGNA GRECIA, in partnership con il Gruppo Pubbliemme, Diemmecom, LaC Network, ViaCondotti21 e l’Università Luiss Guido Carli: «I social sono un elemento fondamentale nella comunicazione e nella autorappresentazione del modo in cui le mafie sono passate dalla civiltà industriale a quella digitale. Gli appartenenti alle organizzazioni mafiose son...

alternate text

Colosimo (Corte dei conti): "Le organizzazioni criminali utilizzano gli strumenti informatici per rendere lecite le attività illecite"

«Tutti gli strumenti informatici sono come un coltello senza manico: in base a come lo prendi ti puoi tagliare o puoi uccidere. Questo ricalca quello che fanno le organizzazioni criminali: utilizzano gli stessi strumenti che noi abbiamo attivato per far progredire la società, per trasformare le attività illegali in beni leciti» Queste le parole di Antonello Colosimo, Consigliere della Corte dei Conti, già vice Alto Commissario Vicario per la Lotta alla Contraffazione a margine dell’evento “Le maf...

alternate text

Nicaso (Queen’s University): "Analizzare le mafie al di là di pregiudizi e luoghi comuni"

«Parlare di mafia vuol dire parlare di comunicazione, di digitale, di criptovalute. Non si può considerare il mondo digitale come qualcosa di estraneo al concetto di mafia perché proprio attraverso i social network, oggi le organizzazioni criminali mandano messaggi e costruiscono consenso. Le mafie vanno viste come fenomeni della modernità e quindi capirle significa analizzarle al di là dei pregiudizi e dei luoghi comuni». Così Antonio Nicaso, docente della Queen’s University e storico delle mafi...

alternate text

Foti (Fondazione Magna Grecia): “La mafia cambia aspetto insieme alla collettività"

«La fondazione oggi ha voluto approfondire sia sul piano accademico, sia sul piano giornalistico e speriamo un domani anche sul piano operativo le conseguenze fortemente dannose legate alle dinamiche di una mafia che cambia aspetto insieme alla collettività e acquisisce nuove forme, nuovi linguaggi e nuovi mezzi di comunicazione.». Così Nino Foti, Presidente della Fondazione Magna Grecia, al termine il corso di alta formazione “Le mafie ai tempi dei social”, organizzato dalla Fondazione MAGNA GRE...

alternate text

Barbera (SCICO): ''La Guardia di Finanza è chiamata a fronteggiare le nuove dinamiche delle azioni criminali''

«Oggi non esiste più un limite territoriale, non c’è più una nazione, ma c’è tutto il mondo che è interessato dall’attività delle varie organizzazioni criminali. La Guardia di Finanza è chiamata a fronteggiare queste nuove dinamiche per contrastare le diverse azioni criminali che tendono a insinuarsi nell’economia legale. Si tratta, quindi, di una vera e propria lotta in difesa della legalità, che ha sostanzialmente come finalità ultima quella di rilevare e individuare i patrimoni illecitamente p...

alternate text

Baldassarre (Presidente emerito Corte Costituzionale): ''La classe politica dovrebbe intervenire per instillare una cultura del vivere onestamente'

Antonio Baldassarre, Presidente Emerito della Corte Costituzionale, è intervenuto al Convegno “Le mafie ai tempi dei social network” organizzato dalla Fondazione “Magna Grecia” con il Gruppo Publiemme, Diemmecom, LaC Network, ViaCondotti21 e l’Universitá Luiss Guido Carli: «Il problema principale è che la mafia ricerca consenso per alimentarsi e per crescere. Questo problema dovrebbe essere affrontato dalla classe politica, intervenendo sulle istituzioni, sui centri di ricerca e sulle scuole a pa...

alternate text

Falduto (Pubbliemme-Diemmecom-Network LaC): "L’obiettivo è bloccare i messaggi della criminalità organizzata"

A margine dell’evento “Le mafie ai tempi dei social”, organizzato dalla Fondazione MAGNA GRECIA, in partnership con il Gruppo Pubbliemme, Diemmecom, LaC Network, ViaCondotti21 e l’Università Luiss Guido Carli, Mariagrazia Falduto, Direttore Generale del gruppo, ha affermato: «Siamo orgogliosi di essere partner con la Fondazione Magna Grecia nell’organizzazione di questo corso di formazione dedicato al rapporto tra mafie e social network perché crediamo nell’importanza di essere parte attiva del c...

alternate text

Angelosanto (ROS dei Carabinieri): ''Le forze dell’ordine devono sfruttare i social per monitorare l’atteggiamento delle mafie online''

«Le mafie, tra le nuove modalità di infiltrazione, hanno scelto proprio di puntare sull’uso dei social network, perché sono strumenti che sul territorio consentono alle proprie organizzazioni criminali di registrare, seguire e controllare quelle che sono le opinioni delle masse. Dunque, le forze dell’ordine devono riuscire a sfruttare le capacità tecniche, che hanno già in possesso, per monitorare i social e attraverso loro l’atteggiamento delle stesse mafie». Queste le parole del Generale Pasqua...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza