cerca CERCA
Venerdì 22 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi
SPECIALE
Riforma Italia, quale sarà il futuro del nostro Paese?

Riforma Italia, quale sarà il futuro del nostro Paese?

alternate text

Radoccia (Ey): "Convogliare migliori risorse per rendere Italia competitiva"

"In questo particolare momento storico il mondo intero guarda al nostro Paese con grande attenzione, consapevole dell’opportunità di accelerazione che il Pnrr costituisce. Gli impatti derivanti dall’attuazione delle misure contenute nel Piano sono stati valutati in termini di PIL fino al +3,6% nel 2026, ma è necessario convogliare le migliori risorse per rendere il Paese più attrattivo e competitivo a livello internazionale, ricreando un clima generale di fiducia". E' quanto ha detto Stefania Rad...

alternate text

Boccardelli (Luiss): "Attuare riforme per superare ostacoli e consolidare crescita"

"In Italia esistono degli ostacoli esogeni al sistema impresa dovuti, soprattutto, a un quadro normativo instabile, una giustizia lenta, un sistema fiscale complesso, una burocrazia farraginosa. L’attuazione di un piano di riforme che stimoli la produttività nel medio e lungo termine, aumenti la competitività del tessuto produttivo e agevoli soprattutto gli investimenti, risulta urgente e prioritaria per consolidare la crescita e renderla strutturale". Lo ha detto Paolo Boccardelli, direttore del...

Ruffini: "Pnrr è occasione per fare grande riforma fiscale"

Il Pnrr è l'occasione "per fare una cosa vicina simile all'ultima grande riforma fiscale" che risale al 1972, anche perché "gli ultimi interventi non avevano la stessa caratura". Lo ha detto Ernesto Maria Ruffini, direttore dell'Agenzia delle Entrate, nel corso del suo intervento all'evento 'Riforma Italia' organizzato da Ey e Luiss Business School, secondo cui quello di cui "abbiamo bisogno è un sistema stabile e di prospettiva in grado di risolvere i problemi che conosciamo".

alternate text

Ibarra (Engineering): "Spinta a digitalizzazione necessaria al Sud"

"Il tema dell'infrastruttura digitale è sicuramente più importante al Sud piuttosto che al Centro e al Nord; il che non significa che non ci siano aree grigie o anche aree bianche al Centro e al Nord ma il problema del digital divide nel Mezzogiorno è senz'altro più evidente". E' quanto sottolinea Maximo Ibarra, Ad di Engineering intervenendo al summit su 'Pnrr: come impatteranno il sistema economico e sociale del nostro Paese?'organizzato da EY e Luiss Business School. Anche il tessuto produttiv...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza