cerca CERCA
Sabato 04 Febbraio 2023
Aggiornato: 15:39
Temi caldi

Spopola la ginnastica facciale, l’anti-rughe economico e naturale

14 giugno 2014 | 15.14
LETTURA: 5 minuti

E’ l’ultimo trend nella lotta ai segni del tempo che passa. L’esperta all’Adnkronos Salute: “Pare che la usassero già gli egizi, Cleopatra compresa”. E assicura: “Se ci si mette costanza, facendo 10 minuti di esercizio tutti i giorni, dopo un mese gli effetti sono già visibili“. Gli esercizi /FOTO

alternate text

Allenare il viso a combattere rughe e linee d’espressione (Gli esercizi /FOTO). La ginnastica facciale è l’ultimo trend nella lotta ai segni del tempo che passa: “un ‘lifting’ naturale ed economico, che ha origini antichissime. Pare che la usassero già gli egizi, Cleopatra compresa, e poi la praticavano molto gli attori di teatro, per migliorare la mimica del volto. Da allora sono stati sviluppati vari metodi ed esercizi e oggi la ginnastica facciale si sta diffondendo sempre di più anche in Italia”, spiega all’Adnkronos Salute Petra Miklus, insegnante di yoga facciale in Friuli Venezia Giulia.

“L’aspetto del viso - afferma - dipende certo dal processo biologico, dagli stili di vita e non sfugge alla forza di gravità, ma è anche conseguenza dei tanti piccoli movimenti che compiamo quotidianamente. Pensiamo a quante volte si corrugano gli occhi, le sopracciglia, la fronte: ogni volta bisognerebbe eseguire un movimento contrario, per distendere la pelle, altrimenti gli effetti di tutte queste corrugazioni si sommano ed ecco che si formano e si accentuano le rughe. E’ come un fermacapelli, se si continua a tirarlo, dopo un po’ perde la sua elasticità”.

Per invertire il processo, bisogna imparare a ‘stirare’ la pelle. La ginnastica facciale, sottolinea l’esperta, “serve anche a questo, a tendere l’epidermide e renderla più elastica e compatta, migliorare la circolazione, rialzare guance e zigomi, tonificare le palpebre e il collo. La contrazione dei muscoli facciali stimola la microcircolazione che dona un colorito più luminoso al volto. Effetti che si vedono già dopo il primo mese”.

Definita in mille modi, da yoga facciale a pilates per il viso, questa ginnastica ha “un principio alla base: tirare la pelle del viso gonfiando i muscoli facciali”. Non ci sono controindicazioni e può essere praticata da tutti. Anche i maschi cominciano a farvi ricorso. “Gli uomini sono ancora una minoranza, forse sono un po’ timidi, ma ne ho avuti due fra gli iscritti ai miei corsi”, racconta.

“Sono ben 57 - prosegue Miklus - i muscoli del viso, nell’arco della vita non li usiamo tutti, nemmeno quando sorridiamo, forse quando ridiamo in maniera così forte da sentirne lo sforzo”. Risate a parte, con la ginnastica anti-rughe si impara a usare questi muscoli e ad allenarli: una volta appresi gli esercizi, “una quindicina quelli insegnati in un corso base”, non serve andare in palestra. Si possono praticare ovunque e non c’è bisogno di attrezzi vari. “Basta armarsi di buona volontà e costanza - raccomanda - Il primo mese è importante esercitarsi tutti i giorni, per una decina di minuti: ci vogliono 4 settimane, infatti, per allenare i muscoli e conformare il viso. Per mantenere la forma guadagnata, poi, basta fare gli esercizi 3 volte a settimana, sempre per dieci minuti”.

Smorfie anti-rughe davanti allo specchio, ma non solo. “Le smorfie possono essere una forma di stretching, ma da sole non bastano a stendere e tonificare. Il metodo che insegno io - spiega - si basa sull’adozione di due forze contrapposte, in forma di pressione, per esempio si gonfia la guancia e poi si preme con la mano, o di trazione, si tirano cioè i muscoli da entrambi le direzioni, per aumentare la tonificazione”. Ci sono esercizi specifici per aumentare il volume di labbra e zigomi, rassodare guance, collo e mento, alzare palpebre e sopracciglia.

Per il viso è come un lifting naturale. “Non si tira la pelle - afferma Miklus - ma si lavora sul muscolo sottostante, che diventa più tonico e voluminoso. Così è possibile eliminare, o rendere meno evidenti, le rughe nasolabiali e quelle sul labbro superiore, il cosiddetto ‘codice a barre’, ma anche contrastare le zampe di gallina e alzare la palpebra superiore. Risultati che, chiaramente, non si ottengono dall’oggi al domani, come del resto non succede con la ginnastica o le creme. Ma se ci si mette con costanza, facendo 10 minuti di esercizio tutti i giorni, dopo un mese gli effetti sono già visibili. E li notano non solo i diretti interessati, ma anche gli altri, come hanno raccontato soddisfatti i partecipanti ai miei corsi”. Allenandosi, inoltre, “si rivitalizza il sistema endocrino e si stimolano gli organi interni, con un senso di benessere generale”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza