Cerca
Home . Sport .

Ore contate per Tavecchio

SPORT
Ore contate per Tavecchio

(Fotogramma)

"I consiglieri della Lega Pro con cui mi sono confrontato in questi giorni vogliono le dimissioni di questo Consiglio Federale. E, onestamente, le richiede anche la stragrande maggioranza delle nostre società". E ancora: "Non posso ignorare la posizione del mio Consiglio Direttivo [...]. Certamente si richiede un passo indietro del presidente Tavecchio anche se, ci tengo a dirlo, non è l'unico né, forse, il primo responsabile". Dopo Tommasi e Malagò, a parlare delle dimissioni di Carlo Tavecchio è Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro intervistato dalla 'Gazzetta dello Sport' e considerato finora fedelissimo del presidente della Figc.


Sotto assedio per l'eliminazione dell'Italia ai Mondiali e la mancata qualificazione, scaricato anche dai 'suoi uomini', Tavecchio sembrerebbe avere le ore contate: e c'è anche chi parla di un'intenzione a presentarsi come dimissionario quando si riunirà il Consiglio Federale.

Il numero uno di Via Allegri rischia di non avere più la maggioranza in Consiglio. Oltre all'opposizione dell'Assocalciatori, e ora della Lega Pro, potrebbe infatti mancare anche l'appoggio di un consigliere della Lega dilettanti. Tavecchio in ogni caso non avrebbe più la possibilità di portare avanti un vero piano di rilancio del calcio italiano.

"La débacle è tecnica. La scelta tecnica sbagliata della formazione. Ho scelto io l'allenatore e ora non dormo da quattro giorni - ha ammesso il numero uno del calcio italiano durante un'intervista rilasciata a 'Le Iene' -. Abbiamo giocato male, palla alta con gente alta 1 metro e novanta. Dovevamo aggirarla con i piccoletti ma erano in panchina". Ora, forse, la resa dei conti.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.