Cerca
Home . Sport .

Cori razzisti dalla curva della Lazio

SPORT
Cori razzisti dalla curva della Lazio

Immagine di repertorio (Fotogramma)

"Giallorosso ebreo", questo il coro che uno sparuto gruppo di tifosi della curva Nord avrebbe intonato tre volte poco prima delle 15.30 all'Olimpico durante la partita di Coppa Italia Lazio-Novara. Al vaglio della Digos ci sono ora i filmati delle telecamere al fine di identificare il gruppetto.


DIACONALE - "C'è una psicosi in atto che è anche pericolosa e danneggia oggettivamente l'immagine della società, e questo è inaccettabile" commenta all'Adnkronos il portavoce della Lazio, Arturo Diaconale. "Premetto che tutti i cori razzisti e antisemiti vanno condannati, detto questo la stragrande maggioranza dello stadio Olimpico, compreso me, non ha sentito nulla: che qualche collega giornalista lo abbia sentito non lo metto in discussione ma vuol dire che c'è stata semmai una ristrettissima parte di tifosi - prosegue Diaconale -. Oltretutto tutto questo è rischioso perché si presta a strumentalizzazioni, qualsiasi gruppo voglia esercitare ricatti e pressioni basta che si mette lì e dice fesserie. Gonfiata la psicosi diventa lo stadio che fa cori razzisti, non è così".

CAPO IRRIDUCIBILI - "Io di cori non so niente, allo stadio non c'ero, sono diffidato... Però nessuno mi ha chiamato, nessuno mi ha detto niente e a dire la verità che ci siano cori a Lazio-Novara mi pare strano... Se poi uno sente il tifoso accanto dire una cosa e dice che sono i cori della curva...". E' quanto ha detto all'Adnkronos il capo degli Irriducibili della Lazio Fabrizio 'Diabolik' Piscitelli. "I tifosi della Lazio - aggiunge Piscitelli - oramai sono un bersaglio facile ma noi ci siamo stufati. Andremo sempre controcorrente, tanto chiunque si alza può dire di tutto di noi. Addirittura, quando hanno fatto i manifesti contro di noi hanno detto che ce li siamo fatti da soli... Che c'è da dire? Se sei indifendibile, non ti difendi nemmeno". "Comunque - tiene a sottolineare Diabolik - non è che i cori mi scandalizzino. Non è reato fare i cori. E il calcio, purtroppo, e dico purtroppo, non è il rugby".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.