Home . Sport .

Genoa ko, Milan sale al 4° posto

SPORT
Genoa ko, Milan sale al 4° posto

(Afp)

Il Milan si lascia alle spalle gli strascichi polemici della sconfitta in Supercoppa e della sempre più probabile cessione di Higuain andando a vincere 2-0 a 'Marassi' contro il Genoa, conquistando tre punti che gli permettono di volare al 4° posto davanti a Roma e Lazio. A decidere il match le reti nella ripresa di Borini e Suso.


In classifica i rossoneri salgono a quota 34, un punto in più dei giallorossi e due in più dei biancocelesti. I rossoblù restano fermi in 14esima posizione con 20 punti.

Dopo un avvio a ritmi lenti, con le due squadre intente più a studiarsi che ad affondare il colpo, il primo squillo del match è di marca rossoblù con Biraschi al 13' che manda di poco fuori un tiro a giro dal limite dell'area. Prima della mezz'ora ancora padroni di casa pericolosi prima con Lazovic e poi con Bessa, in entrambi i casi bravo Donnarumma a respingere le minacce. A pochi secondi della fine del tempo si fanno vedere gli ospiti con un gran tiro al volo di Paquetà, su corta respinta della difesa, che colpisce il palo esterno alla destra di Radu.

Il Milan parte meglio nella seconda frazione e va vicina al vantaggio due volte con Borini. Al 9' con un tiro a giro sul quale Radu salva in due tempi e al 17' con un diagonale al volo su apertura di Paquetà fuori di poco.

Verso la metà della seconda frazione è il Genoa ad andare vicino al gol con una doppia occasione, prima su un tiro di Veloso respinto da Donnarumma, poi sul tap-in di Bessa sul quale è ancora il portiere rossonero protagonista. Al 27' si sblocca il match: Conti va sul fondo e mette un pallone teso e basso in mezzo, sul quale si avventa Borini superando Radu con una conclusione potente.

Alla mezz'ora traversa di Veloso con una gran botta da fuori area sulla quale si arrangia l'estremo difensore ospite deviando quel che basta per salvare i suoi. Al 38' arriva il raddoppio di Suso che chiude il match. Lancio preciso di Cutrone per l'esterno spagnolo che difende palla e di destro in diagonale indovina l'angolino opposto, dove Radu non può arrivare, chiudendo di fatto il match.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.