Home . Sport .

Inter, è strappo con Icardi

SPORT
Inter, è strappo con Icardi

(Fotogramma /Ipa)

Tra Inter e Mauro Icardi è strappo. Dopo il tweet di stamane - "Il club comunica che il nuovo capitano della squadra è Samir #Handanovic" - con il quale il club ha rivelato di aver tolto la fascia di capitano all'attaccante argentino per consegnarla al portiere sloveno, parla ora mister Luciano Spalletti. Che smentisce di non aver convocato il giocatore per il match di Europa League a Vienna. "Con Icardi ci sarà tempo per chiarire, è stata una decisione difficile ma condivisa da tutte le componenti e presa per il bene dell'Inter e della squadra. E' Icardi - ha poi precisato Spalletti ai microfoni di Sky Sport - che non è venuto a Vienna, lui era convocato con la squadra". Da diversi mesi l'attaccante e il club sono alle prese con il rinnovo di contratto peraltro in scadenza nel 2021.


"E' una decisione molto sofferta da parte nostra, ma per volere bene bisogna anche dire le cose come si pensano - ha aggiunto Spalletti -. Di conseguenza si spera e non abbiamo dubbi che la squadra possa reagire nel modo più corretto possibile". "Tutto ciò che gira intorno a Icardi disturba lui ma anche la squadra della quale era capitano. Dobbiamo mettere tutte le nostre attenzioni sulla partita - ha sottolineato Spalletti -. Contratto? Non mi interesso di contratti, abbiamo una società che ne ha fatti moltissimi. Penso sia una trattativa che andrà avanti, ma se ne occuperà la società. Ci sono situazioni che nel calcio non passano più: noi dobbiamo concentrarci sull'andare a fare risultato".

GIOIE E DOLORI DI UN CAPITANO

"Questa è anche la risposta a quello a cui alludevo dopo Parma dove sono stato male interpretato, a me dei contratti non interessa niente. Ci sono cose che contornano il ragazzo che andavano messe a posto come evidenziato dalla reazione di oggi. Queste cose hanno messo in imbarazzo squadra e società, ma soprattutto la squadra di cui era capitano. Nei prossimi giorni ci sarà la possibilità di chiarire, domani parlerà il direttore e gli altri. Per quanto mi riguarda finisce qui il discorso sulla fascia", ha concluso.

Per la sorella di Icardi, Ivana" si tratta di una "Cronaca di una morte annunciata". "Povero mio fratello, ma perché continua a permettere tutto ciò? - ha scritto su Twitter indirizzandosi alla moglie-agente dell'attaccante argentino Wanda Nara -. All'Inter non permettono questi atteggiamenti. Se avesse alle spalle una persona seria, che davvero si prendesse cura di lui, tutto questo non succederebbe".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.