Home . Sport .

'Donna sport', Caironi e Galli: "Ragazze, iscrivetevi"

SPORT
'Donna sport', Caironi e Galli: Ragazze, iscrivetevi

"Da atleta come voi, voglio fare un appello a tutte quelle ragazze che si impegnano quotidianamente nello sport, che rappresenta i valori che ci devono guidare, e nello studio, che ci prepara per quello che vogliamo diventare. Quindi è importante riuscire in entrambe le attività. Donna Sport vuole credere proprio nel coraggio e nella determinazione e ha messo in palio premi che spero sarete voi a vincere. Quindi che cosa aspettate a partecipare?". Con queste parole Martina Caironi, campionessa paralimpica, due ori a Londra 2012 e Rio 2016, lancia un appello alle giovani atlete e paratlete a cui è rivolto 'Donna Sport - Atlete di Valore, Persone di Successo', il concorso - giunto alla sua quinta edizione - rivolto a tutte le atlete e paratlete che praticano una disciplina sportiva a livello agonistico fra quelle federate in ambito Coni e Cip (Comitato Italiano Paralimpico) e che nell’anno scolastico/accademico 2017-2018 abbiano frequentato con successo un corso di studi. Se hanno avuto ottimi voti durante lo scorso anno scolastico, se credono nei valori autentici dello sport e frequentano un liceo o, nel caso delle paratlete, un corso universitario, possono partecipare. In palio buoni acquisto per abbigliamento e attrezzature sportivi, libri, Kindle e supporti informatici.


L’iniziativa, ideata e realizzata dal Gruppo Bracco - con il patrocinio di Regione Lombardia, Coni e Comitato Italiano Paralimpico - ha un obiettivo: sostenere e valorizzare lo sport femminile, sommando insieme meriti scolastici e atletici. Una giuria di qualità selezionerà le migliori atlete e paratlete tra coloro che si candideranno entro il 10 giugno 2019, iscrivendosi gratuitamente sul sito www.donnasport.it. Per ribadire l’importanza del concorso, scende in campo anche Giovanni Galli, ex portiere di Fiorentina, Milan, Napoli e della Nazionale Campione del mondo 1982: “Sono un amante dello sport e soprattutto un padre. Per questo motivo voglio fare un appello a tutte le ragazze, atlete e paratlete che praticano sport e si impegnano nello studio. Sono convinto che nella vita sport e studio siano un binomio fondamentale per crescere. Quindi ragazze, lo sapete. Per impegnarvi a raggiungere i vostri obiettivi dovrete metterci tanto talento e tanta fatica. Ma sappiate che non siete sole. Il concorso Donna Sport ha deciso di premiare chi studia e pratica sport a livello agonistico. Coraggio, quindi! Affrontate questa sfida e iscrivetevi al concorso Donna Sport 2019. Potreste essere una delle vincitrici”.

Gli esempi tra le vincitrici delle scorse edizioni di “DonnaSport” non mancano. Ayomide Folorunso, ad esempio, rappresenta perfettamente lo spirito del concorso. Atleta azzurra delle Fiamme Oro, è stata protagonista della finale olimpica di Rio 2016 nella staffetta 4x400 e fresca vincitrice di una medaglia di bronzo ai mondiali di staffetta 4X400 di Yokohama, in Giappone. L’altra vincitrice ex aequo della scorsa edizione del concorso, Loredana Spera, ha vinto due ori mondiali a squadre juniores nel tiro con l’arco. Un altro esempio straordinario è quello di Martina Rabbolini, nuotatrice ipovedente, primatista italiana nei 100 rana. Non a caso il Premio “DonnaSport” per la categoria paratlete le fu assegnato direttamente da Alex Zanardi, che ha fatto dello sport la sua filosofia di vita e oggi gira il mondo per gareggiare e raccontare la sua storia.

Dal 2011 ad oggi, il concorso del Gruppo Bracco ha visto la partecipazione di oltre 1.000 atlete, in prevalenza tra i 16 e i 17 anni. Trecentodiciasette solo nel 2016 in rappresentanza di 80 province (soprattutto Perugia, Torino, Pisa, Varese, Roma e Milano) e 41 discipline sportive. Tra le più praticate: l’atletica seguita da pallavolo, pattinaggio artistico, canottaggio, calcio, tennis, nuoto, pallacanestro, ping pong, taekwondo, tiro con l’arco, hockey subacqueo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.