Cerca
Home . Sport .

La Roma degli anni 80 in scena al Teatro Hamlet

SPORT
La Roma degli anni 80 in scena al Teatro Hamlet

Una serata dedicata alla ‘Magica Roma’ degli anni'80, al Teatro Hamlet di Roma il 22 e 23 maggio. In scena Alberto Mandolesi tra i ricordi, le immagini e i momenti più significativi dei suoi quattordici anni di radiocronache tra i calciatori di quegli anni che hanno reso grande la maglia giallorossa. Con aneddoti noti solo agli addetti ai lavori il pubblico potrà conoscere più a fondo campioni come Carlo Ancelotti, Bruno Conti, Sebino Nela, Paulo Roberto Falcão, Toninho Cerezo, Giuseppe Giannini, Zibì Boniek. Speciale attenzione sarà dedicata allo storico presidente Dino Viola e all'allenatore Nils Liedholm con contenuti video e audio.  


Il traghettatore di questa serata, Massimo D’Adamo, coinvolgerà nel viaggio tanti ospiti che tra il primo e il secondo tempo racconteranno la Roma a modo loro: Ci saranno Nela e Giannini, il figlio di Viola, Ettore, Andrea Rivera con i suoi rocamboleschi giochi semantici, Isabella Alfano e Mariano Perrella dei Pandemonium con il loro speciale accompagnamento musicale. Una partita da giocare insieme per 90 minuti (e forse anche per i tempi supplementari) con la ‘curva’ del Teatro Hamlet. Racconti inediti di campo ma anche di vita privata perché in oltre 20 anni di cronache sportive Mandolesi di aneddoti ne ha collezionati parecchi, e sono frutto di frequentazioni professionali sfociate in amicizia. "C'è la volta in cui di ritorno da una trasferta ho lasciato Falcao a piedi per un fraintendimento sul casello in cui dovevamo incontrarci", racconta Mandolesi.

Poi ci sono i ricordi legati alla sua casa in cui ospitava i giocatori, tra cui Ancellotti, e gli scherzi tra compagni di squadra, "come quello che fece Conti ad Ancellotti giocando sulla sua paura dei temporali e che per lo spavento costò al centrocampista un febbrone che gli impedì di allenarsi il giorno dopo". Sarà un modo anche per scoprire come nasce la figura del giornalista-tifoso in contrapposizione a quella del giornalista sportivo 'asettico', un percorso inaugurato da Mandolesi, voce storica della Roma.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.