Cerca
Home . Sport .

Azzurre da sogno

SPORT
Azzurre da sogno

(Ipa/Fotogramma)

L'Italia travolge la Giamaica con una goleada e vola agli ottavi di finale dei Mondiali femminili di calcio in corso in Francia. Le azzurre staccano il pass con un turno di anticipo grazie alla vittoria per 5-0 contro le 'Reggae Girlz' nel match valido per la seconda giornata del gruppo C giocato a Reims. Sugli scudi Cristiana Girelli con una tripletta e Aurora Galli con due gol.


La squadra di Milena Bertolini tornerà in campo martedì a Valenciennes contro il Brasile nella sfida che può valere il primo posto del girone. Al momento l'Italia è in testa con 6 punti, a +3 sulla nazionale 'verdeoro' e sull'Australia sconfitta all'esordio.

Le azzurre mettono in discesa il match contro le giamaicane al 12' grazie al gol di Girelli su un rigore procurato da Bonansea e fatto ripetere dopo l'iniziale parata della Schneider, che si era mossa in anticipo: due infrazioni rilevate dall'arbitro neozelandese Keighley con l'ausilio del Var. Al 25' la stessa Girelli concede il bis con un tocco ravvicinato in area sugli sviluppi di un corner e tre minuti più tardi è la traversa a negare la gioia del gol alla Sabatino.

In avvio di ripresa ci pensa ancora una scatenata Girelli a mettere in cassaforte i tre punti: dopo nemmeno un minuto di gioco la numero 10 approfitta di un'uscita errata della Schneider su un pallone alto per depositare in rete di testa. Sul 3-0 le giamaicane si fanno più intraprendenti e l'Italia corre qualche rischio di troppo, ma nella mezz'ora finale sale in cattedra la Galli con una doppietta che spegne ogni velleità delle avversarie.

La centrocampista va a segno al 71' con un destro dalla distanza che beffa la Schneider e di nuovo dieci minuti più tardi, sull'ottimo suggerimento di Giugliano, mettendo a sedere il portiere prima di depositare nella porta sguarnita. Un dominio assoluto, quello delle azzurre. E ora, contro il Brasile, basterà un pareggio per blindare anche il primo posto nel girone.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.