Cerca
Home . Sport .

Champions, Poker di Ilicic e Atalanta vola ai quarti

SPORT
Champions, Poker di Ilicic e Atalanta vola ai quarti

(Afp)

In un Mestalla deserto e un clima surreale a causa dell'emergenza coronavirus, ma con i tifosi spagnoli accalcati fuori dall'impianto, l'Atalanta di Gasperini fa la storia e si qualifica per i quarti di finale della Champions League, prima squadra esordiente ad arrivare tra le prime otto, grazie alla vittoria per 4-3 con il Valencia, dopo il 4-1 rifilato all'andata agli spagnoli. Protagonista assoluto della sfida Josip Ilicic autore di un bellissimo poker, (primo a segnare quattro reti in trasferta nella storia della Champions nelle fasi a eliminazione diretta) che con due rigori e altri due gol ha messo in mostra tutto il suo repertorio, buona prova anche di Gameiro per il Valencia che ha messo a segno una doppietta e di Fernan Torres autore del terzo gol degli spagnoli.


In avvio Celades schiera Gameiro e Rodrigo in attacco con Ferran e Soler esterni, Parejo e Kondogbia a centrocampo. Mentre Gasperini risponde con un 3-4-1-2 con Ilicic e Gomez in attacco e Pasalic a supporto. Hateboer e Gosens esterni, de Roon e Freuler in mezzo al campo. Davanti a Sportiello (out Gollini per un problema dell'ultimo momento) giocano Djimsiti, Caldara e Palomino.

L'Atalanta parte fortissimo e al 2' l'arbitro Hategan fischia un calcio di rigore, per un fallo netto su Ilicic da parte di Diakhaby dopo una strepitosa azione. Dal discetto lo stesso Ilicic al 3' non sbaglia e Atalanta avanti 1-0. Il Valencia risponde al 9' con una conclusione potente di Rodrigo ma Sportiello respinge. Al 21' gli spagnoli pareggiano: palla persa dell'Atalanta a centrocampo, lancio in area dove Palomino interviene in scivolata ma lascia lì la sfera e Gameiro se la sposta con la suola e la mette in rete per l'1-1.

La gara è aperta e al 25' su azione d'angolo arriva il colpo di testa di Pasalic ma la palla finisce sul fondo. Due minuti dopo Pasalic ruba palla, serve Gomez che dal limite calcia di precisione ma non trova la rete. Nel finale di primo tempo fallo di mano di Diakhaby in area, l'arbitro va a vederlo al Var e assegna il secondo penalty per l'Atalanta. Ancora Ilicic dagli 11 metri e gol del 2-1.

Ad inizio ripresa il Valencia si spinge subito in avanti, cross di Rodrigo e colpo di testa di Fernan Torres ma Sportiello blocca. Al 50' però i nerazzurri colpiscono la traversa con Freuler con un gran destro dal limite, ma un minuto dopo il Valencia va in rete: cross di Ferran Torres e colpo di testa vincente di Gameiro, ma l'azione è nata da un altro errore di Palomino. Il Valencia ci crede e spinge con Soler che in area serve per Gameiro che gira sul fondo.

Al 60' Ilicic ancora al tiro ma colpisce Pasalic quando la palla era diretta in porta. Al 67' Valencia però ancora in gol: inserimento centrale di Fernan Torres con la difesa nerazzurra messa male e pallonetto sull'uscita di Sportiello per il 3-2. L'Atalanta non ci sta e al 69' su un destro di Zapata Cillessen si salva con il piede. Il pari è nell'aria e arriva al 71': contropiede Atalanta, Ilicic passa a Zapata che serve ancora lo sloveno che al limite controlla e con il sinistro fa ancora centro. Il numero 72 dell'Atalanta è inafferrabile e all'82' firma il personale poker: azione strepitosa dell'Atalanta con assist finale di Freuler per Ilicic che di sinistro infila ancora Cillessen per il 4-3 finale. A tempo scaduto Sportiello nega la tripletta a Gameiro e ora Bergamo può festeggiare.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.