Cerca
Home . Sport .

Coronavirus, stop a Champions e Europa League

SPORT
Coronavirus, stop a Champions e Europa League

Tutte le partite delle competizioni Uefa, compresa la Champions League e l'Europa League, non si terranno la prossima settimana. Lo comunica la Uefa. "Alla luce degli sviluppi dovuti alla diffusione del Covid-19 in Europa e delle relative decisioni prese da diversi governi, tutte le partite delle competizioni Uefa per club in programma la prossima settimana vengono posticipate", si legge sul sito .


"Ciò include le rimanenti partite di Uefa Champions League, per il ritorno degli ottavi di finale, in programma il 17 e 18 marzo 2020; tutte le partite di Uefa Europa League, andata degli ottavi di finale, in programma il 19 marzo 2020; tutte le partite della Uefa Youth League, quarti di finale in programma il 17 e 18 marzo 2020. Ulteriori decisioni su quando si svolgono queste partite saranno comunicate a tempo debito".

A seguito dei rinvii, anche i sorteggi dei quarti di finale di Champions League e Europa League previsti per il 20 marzo sono stati rinviati.

La Uefa, si ricorda, ha invitato ieri rappresentanti delle sue 55 federazioni associate, insieme ai consigli dell'Associazione europea dei club e delle leghe europee e un rappresentante della FifPro, a una riunione di videoconferenza martedì 17 marzo per discutere la risposta del calcio europeo all'espansione del coronavirus.

Intanto, è ufficiale anche il rinvio della fase elite degli Europei Under 17 e 19 maschili e femminili, "alla luce dei provvedimenti legati alla diffusione del virus Covid-19 in Europa e delle relative limitazioni di viaggio imposte dai governi". Si tratta del secondo turno di qualificazione per promuovere le finaliste dei rispettivi tornei, che erano in programma tra metà marzo e metà aprile.

"Una misura precauzionale generale, adottata per evitare che i giocatori (molti dei quali minori) si trovino lontani dalle loro famiglie qualora i governi delle nazioni ospitanti dichiarino lo stato di blocco totale o quarantena", ha spiegato la Uefa. "Ulteriori informazioni sulla riprogrammazione di queste competizioni verranno comunicate a tempo debito, dopo un'attenta valutazione delle alternative".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.