cerca CERCA
Lunedì 23 Maggio 2022
Aggiornato: 22:49
Temi caldi

Stamina: medici, non si possono imporre procedure non scientifiche

23 giugno 2014 | 18.13
LETTURA: 2 minuti

Roma, 23 giu. (Adnkronos Salute) - "Nessuno può autorizzare né imporre procedure scientificamente non validate, o addirittura minacciare persecuzioni giudiziarie contro chi non si adegua alle più o meno 'forti' pressioni in tal senso". Lo sottolineano i sindacati della dirigenza medica, tornando sulle sentenze con cui i magistrati obbligano le infusioni del metodo Stamina ed esprimendo in una nota "la massima solidarietà ai colleghi degli Spedali Civili di Brescia, impegnati in una manifestazione di disobbedienza civile, e all'attuale amministrazione che ha ereditato scelte pregresse al vaglio della magistratura".

Per l'intersindacale, "come affermato dal ministro Lorenzin in Commissione Sanità del Senato 'è necessario riportare la vicenda in un ambito scientifico. Gli altri ambiti si sono dimostrati molto deboli'". Dopo la sentenza del Tribunale di Pesaro del 5 giugno, una sentenza del Tribunale di Venezia, giunta proprio in queste ore, obbliga l'ospedale allo stesso trattamento, da farsi entro luglio, su un'altra bimba: "Il tutto nel silenzio degli organismi di autogoverno della magistratura - sottolineano le sigle - sulla correttezza di un percorso che ha portato al disconoscimento di qualunque regola sull'erogazione delle cure sanitarie, facendo leva sulle disperate, e comprensibili sul piano umano, aspettative di pazienti e familiari, la cui strumentalizzazione non può certo rendere giustificabile la sottrazione alla scienza e alla coscienza dei medici di ogni competenza professionale in favore di una malintesa 'libertà di essere curati'". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza