cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 05:43
Temi caldi

Staminali: esperto, pura finzione poter curare Sla o sclerosi con mesenchimali

29 marzo 2014 | 11.55
LETTURA: 3 minuti

Roma, 29 mar. (Adnkronos Salute) - "Quello che emerge in maniera forte e chiara è che le cellule staminali 'curano' i tessuti da cui vengono prelevate: le staminali della pelle curano le ustioni della pelle, quelle del limbus corneale curano i danni alla cornea, le staminali ematopoietiche curano patologie associate alle cellule del sangue. Pensare di curare patologie neurodegenerative come la Sla, la sclerosi multipla o le lesioni al midollo spinale, e quindi di formare neuroni, con cellule staminali mesenchimali, deputate a formare osso, cartilagine e tessuto adiposo, è pura finzione e una pericolosa illusione". Lo ha detto Antonio Musarò, docente di Biotecnologie cellulari all'Università Sapienza di Roma, in occasione del Forum 'Stem cell therapy: hype or hope', organizzato dalla Fondazione Ibsa per la ricerca scientifica all'auditorium dell'Università della Svizzera italiana di Lugano.

La terapia cellulare rappresenta uno dei settori di maggiore interesse della medicina moderna, ricorda una nota della Fondazione. Scienziati e studiosi sperimentano tecnologie sempre più innovative per riuscire a sostituire organi e tessuti irrimediabilmente compromessi attraverso l'uso di cellule staminali. Negli anni la ricerca ha raggiunto traguardi importanti che hanno permesso di definire i benefici della terapia cellulare per il trattamento di diverse patologie degenerative, resta ancora molto da fare soprattutto sul piano clinico. A oggi esistono pochi esempi di provate terapie attraverso le cellule staminali tra cui la cura di alcuni tumori del sangue, il trapianto di cartilagine e osso e il trattamento di ustioni della pelle e della cornea. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza