cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:39
Temi caldi

Italia-Iran: Fi tuona su statue coperte ma anche Cav coprì seno del Tiepolo

28 gennaio 2016 | 19.08
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Chi di censura ferisce, di censura perisce. Sulla vicenda delle statue del Campidoglio coperte da pannelli per non urtare la sensibilità del presidente iraniano Hassan Rohani, in visita a Roma dopo una lunga assenza dall'Europa, Fi presenta un'interrogazione parlamentare gridando alla "censura culturale".

"Le scienze come l’arte e la storia - sottolineano gli azzurri - sono immuni dal senso del pudore, anche quello più estremo e radicale. Ed è profondamente immorale dover censurare i simboli e le opere che hanno forgiato la storia di un Paese, le sue radici e la sua identità". Eppure sulla 'censura' a nudi raffigurati in opere d'arte caddero anche gli azzurri al governo, con Silvio Berlusconi alla guida di Palazzo Chigi.

La copia del celebre dipinto di Giambattista Tiepolo 'La Verità svelata dal Tempo' - scelto dal Cavaliere in persona come nuovo sfondo per la sala delle conferenze stampa- venne ritoccato, coprendo il pallido seno raffigurato nel dipinto con due colpi di pennello. La decisione, che all'epoca destò molto scalpore, venne assunta dallo staff presidenziale, preoccupato che le inquadrature dei tg nel corso delle conferenze stampa urtassero la suscettibilità di qualche telespettatore. E se oggi ironicamente si parla di 'mutande' alle statue del Campidoglio, all'epoca si parlò di 'reggiseno' per il Tiepolo. Ma di acqua sotto i ponti ne è passato, e tempus edax rerum.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza