cerca CERCA
Domenica 04 Dicembre 2022
Aggiornato: 12:02
Temi caldi

Stellantis e GAC: con la fine della joint venture termina la produzione in Cina di Jeep

19 luglio 2022 | 12.44
LETTURA: 1 minuti

alternate text

Stellantis annuncia con una nota stampa, l’intenzione di terminare la joint venture con il Gruppo GAC.

Lo scorso mese di gennaio il Gruppo Stellantis aveva annunciato la sua volontà di acquisire una quota di maggioranza della joint venture GAC-Stellantis, la mancanza di progressi nelle precedenti trattative ha spinto il marchio automobilistico a rivedere le sue posizioni e collaborazioni.

Termina così la produzione in Cina dei modelli Jeep, una partnership iniziata nel 2010 e che negli ultimi anni è stata caratterizzata da bilanci in perdita.

Stellantis riconoscerà un onere di svalutazione non monetario di circa 297 milioni di euro nei risultati del primo trimestre 2022.

Nonostante la fine delle produzione in Cina dei modelli Jeep, i SUV americani continueranno a essere commercializzati come veicoli di importazione grazie alle concessionarie cinesi autorizzate.

Stellantis: la nota stampa sulla fine della joint venture con GAC

A causa della mancanza di progressi nel piano precedentemente annunciato per l'acquisizione da parte di Stellantis di una quota di maggioranza della joint venture GAC-Stellantis, Stellantis N.V. ha annunciato oggi il suo proposito di puntare sulla distribuzione di prodotti d’importazione per il marchio Jeep in Cina, per sfruttare il potenziale del marchio e dei suoi modelli iconici attraverso un approccio “asset-light”.

Stellantis collaborerà con il Gruppo GAC per una ordinata cessazione della joint venture costituita nel marzo 2010, che negli ultimi anni è stata in perdita, e riconoscerà un onere di svalutazione non monetario di circa 297 milioni di euro nei risultati del primo semestre 2022.

Il marchio Jeep continuerà a rafforzare la propria offerta in Cina con una più ampia gamma di veicoli d'importazione elettrificati, destinati a superare le aspettative dei clienti cinesi”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza