cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 10:13
Temi caldi

Strage Uvalde, polizia: "Killer ha sparato oltre 100 colpi"

27 maggio 2022 | 17.33
LETTURA: 2 minuti

Il padre del 18enne: "Avrebbe dovuto uccidere me". Dipartimento sicurezza: "Commessi errori"

alternate text
(Afp)

Dopo aver sparato "numerosi colpi" all'esterno, Salvador Ramos, il killer 18enne della strage di Uvalde, in Texas, è entrato alle 11.33 ora locale nella 'Robb Elementary school'. Qui, secondo il colonnello Steven McCraw, del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, "il sospetto ha iniziato a sparare nell'aula 111 o 112. E sappiamo che ha sparato oltre 100 colpi sulla base delle prove audio. Almeno 100 colpi". Ramos ha ucciso 19 bambini e due maestre.

Il Dipartimento di pubblica sicurezza ha riconosciuto che nell'operazione di polizia seguita all'attacco armato nella scuola sono stati commessi errori. "Naturalmente non è stata la decisione giusta. E' stata la decisione sbagliata", ha dichiarato Steven McCraw in conferenza stampa, parlando della scelta di non fare prima irruzione nella classe in cui si trovava il giovane armato. Circa venti ufficiali si trovavano in un corridoio fuori dalle aule nella scuola elementare teatro della strage e lì sono rimasti per oltre 45 minuti prima che gli agenti si muovessero per affrontare l'aggressore.

Il comandante delle unità intervenute sul posto riteneva che l'uomo si fosse barricato in un'aula e che i bambini non fossero in pericolo, ha reso noto McCraw. Pensava cioè che si fosse passati da una situazione di un aggressore armato in azione a una situazione di un aggressore barricato quando in realtà nella classe si trovavano ancora dei bambini ed erano ancora a rischio. “Certo, con il senno di poi... È stata la decisione sbagliata. Punto", ha detto McCraw.

"Voglio solo che la gente sappia che mi dispiace per quello che ha fatto mio figlio. Non mi sarei mai aspettato che potesse fare una cosa del genere, avrebbe dovuto uccidere me...". Queste le parole del padre del killer che in un'intervista al 'Daily Beast' ha raccontato che quel giorno era al lavoro e di aver appreso dalla madre (la nonna materna era stata ferita dal ragazzo) quello che era successo.

In preda al panico ha chiamato la prigione locale, chiedendo se il figlio fosse lì. Ma poi ha capito: "Hanno ucciso il mio ometto... Non rivedrò mai più mio figlio, proprio come loro non vedranno più i loro figli. E questo mi fa male".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza