cerca CERCA
Lunedì 23 Maggio 2022
Aggiornato: 19:58
Temi caldi

Tunisia: 'JeSuisCharlie' diventa 'JeSuisTunisie' dopo attacco a museo

19 marzo 2015 | 12.57
LETTURA: 2 minuti

Come in occasione della strage al settimanale satirico, anche questa volta la solidarietà ha iniziato a correre sul web con una serie di hashtag a sostegno del popolo tunisino, da #JeSuisTunisien a #JeSuisBardo

alternate text

Da una parte, un attacco - l'ennesimo - alla cultura e alla democrazia, ma anche alla Tunisia e all'Occidente. Dall'altra, la reazione di chi non vuole farsi abbattere, cedere, vivere nella paura. Alla morte portata dalla tragedia che ha colpito ieri Tunisi, con l'attacco al museo del Bardo, risponde la vita dei social network. Come in occasione della strage al settimanale satirico 'Charlie Hebdo', anche questa volta la solidarietà ha iniziato a correre sul web, tra Facebook e Twitter, con una serie di hashtag a sostegno del popolo tunisino.

Ed ecco che #JeSuisCharlie diventa #JeSuisTunisie, a cui si sono accompagnate molte altre espressioni di sostegno come #JeSuisTunisien - postato anche dal primo ministro francese Manuel Valls, che scrive "siamo tutti tunisini" - e come #JeSuisBardo, hashtag mandato in rete da un account riconducibile al museo teatro dell'attacco terroristico, con la frase: "Viva la Tunisia, viva il Bardo, viva la cultura, l'arte, l'archeologia, viva il turismo tunisino".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza