cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 19:52
Temi caldi

Superlega, Gianmarco Tognazzi: "Troppo repentina, campionato perderebbe senso"

19 aprile 2021 | 17.52
LETTURA: 2 minuti

'Difficile farsi idea chiara, può essere ipotesi affascinante ma esclude variabili che sono il bello del calcio'

alternate text

"Premesso che è difficile capire quali siano le reali motivazioni, è un tentativo che da una parte può essere affascinante, l'idea che le squadre più forti d'Europa si sfidino tra di loro. Però può esserlo i primi anni, ma poi non diventa un po' monotono dal punto di vista dell'intrattenimento? E poi, non va ad escludere le variabili? L'Atalanta, o l'Ajax, o le squadre serbe, croate, belghe e così via. Non vorrei diventasse limitativo nel confronto con le altre realtà calcistiche". Gianmarco Tognazzi, super tifoso milanista, analizza così con l'Andkronos l'annuncio della Superlega europea.

"La mia paura -spiega Tognazzi- è che possa togliere appeal anche alle squadre stesse. Se veramente vogliono partire da agosto del 2021, mi chiedo: al Milan o all'Inter che cosa gliene frega di arrivare ai primi posti? A cosa servirebbe il campionato? Diventano relativi i piazzamenti. Mi preoccupo egoisticamente anche dei giocatori della mia squadra, che magari potrebbero perdere mordente". A livello nazionale, "il fatto di lottare per poter raggiungere delle posizioni che ti permettano di arrivare a fare una competizione internazionale dava il senso al campionato", osserva l'attore.

Che ci tiene a sottolineare: "Ancora non mi è chiaro quali siano i reali motivi e per esprimere un'opinione bisognerà aspettare di capire esattamente lo sviluppo. Se fosse una manifestazione aggiuntiva che va in parallelo col sistema normale, allora direi perché no. Ma mi pare di capire che non sia possibile pensare a una manifestazione così invasiva gestita in concomitanza con le altre competizioni". E, tra le riflessioni 'a caldo', il tifoso milanista ipotizza: "Nel momento in cui vuoi creare una sorta di duopolio, non lo vedo strutturato a venti ma in maniera molto più larga, che so a quaranta, proponendolo come formula alternativa -suggerisce- Che comprenda sì quindici, anche venti club fondatori ma che lascia spazio ad altri venti legati ai meriti sportivi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza