cerca CERCA
Venerdì 03 Dicembre 2021
Aggiornato: 20:49
Temi caldi

Tabacco: il cardiologo, nuovi prodotti molto meno dannosi delle sigarette tradizionali

16 settembre 2015 | 09.00
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto Infophoto) - INFOPHOTO

"L'utilizzo delle sigarette elettroniche sta crescendo in molti Paesi del mondo. Penso che dobbiamo essere aperti ai prodotti alternativi, perché non ci può essere un prodotto che va bene per il 100% dei fumatori, ed è bene che i consumatori possano scegliere tra diversi prodotti e opzioni, ma bisogna dare le corrette informazioni sui relativi rischi, e anche su cosa questi prodotti sono realmente". E' quanto sottolinea Kostantinos Farsalinos, cardiologo e ricercatore dell'Onassis Cardiac Surgery Center di Patrasso (Grecia), tra i massimi esperti mondiali degli effetti del fumo sulla salute, a margine del Global Tobacco Nicotine Forum, in corso a Bologna.

"I rischi per la salute derivanti dai nuovi prodotti sono molto differenti dalle sigarette tradizionali, penso che le sigarette elettroniche e quelle con aerosol - ha aggiunto - siano meno dannose delle sigarette tradizionali perchè molte componenti chimiche tossiche non sono presenti".

In particolare, ha aggiunto il ricercatore, "le sigarette che non bruciano il tabacco sono un prodotto relativamente nuovo e anche se non abbiamo ancora molte prove scientifiche pubblicate, penso sia un prodotto che ha un potenziale".  Come mondo scientifico, "dobbiamo studiare molto attentamente i rischi, comparandoli" ha proseguito, spiegando che "si sta andando avanti con le ricerche e attendiamo i risultati".

"Il problema è che il regolatore sta sviluppando regole che rischiano di rallentare l'innovazione dell'intero settore - ha concluso - come, ad esempio, la nuova direttiva europea sul tabacco, che prevede l'obbligo di notifica di tutte le informazioni sui nuovi prodotti, ben 6 mesi prima dell'immissione in commercio del nuovo prodotto". 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza