cerca CERCA
Sabato 20 Agosto 2022
Aggiornato: 00:42
Temi caldi

Alzheimer

Alzheimer, maxistudio individua 75 fattori di rischio genetico

Una delle principali sfide della ricerca sulla malattia di Alzheimer, che - come è noto - le attuali terapie riescono a rallentare ma non a curare, è la caratterizzazione dei fattori di rischio genetico per individuare i processi fisiopatologici in gioco e proporre nuovi bersagli terapeutici. A centrare l'obiettivo è stato uno studio del genoma relativo al più grande gruppo di malati di Alzheimer analizzato finora. La ricerca, pubblicata su 'Nature Genetics' e guidata dall’Università di Lille-Ins...

alternate text

La denuncia di Sos Alzheimer in vista della Giornata Mondiale, 'pazienti in aumento'

Domani la XXVIII Giornata mondiale dell’Alzheimer 2021 riaccende con forza l'attenzione su una malattia che, come denuncia l'associazione Sos Alzheimer onlus, è "in aumento" per numero di pazienti. Il convegno, organizzato in occasione di questa ricorrenza, istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e dall’Alzheimer’s Disease International (Adi), "vuole diffondere informazioni e conoscenza rispetto ad un tema così importante, attuale ed alla luce dei numeri, sempre più sco...

alternate text

Scoperto segreto 'scudo' anti-Alzheimer

Alcune persone hanno la capacità di attivare una sorta di 'scudo' anti-Alzheimer, una risposta cerebrale antiossidante efficace al punto da far fronte alla neurodegenerazione causata dalla malattia. A dimostrarlo è un nuovo studio pubblicato sul 'Journal of Neuroscience', frutto della collaborazione tra la University of Texas Medical Branch, l'Oregon Health & Science University e l'Università degli Studi di Roma Tre.

alternate text

Libri: 'Le età della mente', il neurochirurgo Maira spiega come mantenere giovane il cervello

Fin dal concepimento, e per buona parte della nostra vita, il nostro cervello conosce processi che ne garantiscono lo sviluppo e l’aumento delle capacità attraverso l’apprendimento. Ma in ognuna di queste fasi può essere oggetto di aggressioni che possono comprometterne le funzioni: stili di vita scorretti, fumo, uso di droghe o abuso di alcol, alimentazione sbagliata. Per questo l’attenzione verso il cervello dovrebbe accompagnarci lungo tutto l’arco dell’esistenza, a cominciare dai comportament...

alternate text

Salus Tv n.31 del 29 luglio 2020

Con la biopsia liquida "caccia grossa" al Dna tumorale nel sangue. Allarme melanoma, durante il lockdown ridotte di un terzo prime visite e biopsie. Enpam, via a nuovi mutui per i giovani iscritti. Il Progetto Cuore vent’anni dopo: dalla Simg algoritmo per predizione rischio cardiovascolare. Chiesto a Fda via libera a prima terapia al mondo anti-Alzheimer

alternate text

Alzheimer, pensieri negativi ricorrenti aumentano rischi

'Pensare negativo' aumenta il rischio di Alzheimer. E' quanto emerge da uno studio britannico che partendo dal legame fra i pensieri negativi ricorrenti e la depressione o l'ansia, ha voluto indagare oltre scoprendo un loro ruolo "importante" nell'insorgenza della 'malattia della memoria'.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza