cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 23:44
Temi caldi

Borsa oggi news

alternate text

Tonfo per Piazza Affari, ai minimi dal 2020

Piazza Affari affonda, tornando ai livelli del novembre 2020, sulla scia degli altri listini europei e del calo deciso di Wall Street. Negli Stati Uniti i rendimenti dei Treasury sono tornati a salire e sul Nasdaq pesa Apple, dopo che Bank of America ha declassato il suo titolo. Inoltre in Germania l’inflazione su base annua ha raggiunto il 10%, così come non si vedeva da 70 anni.

alternate text

Piazza Affari chiude in rialzo nel giorno della Meloni

La settimana è iniziata con molta incertezza sui mercati mondiali con le principali valute oscurate dalla forza del dollaro. Le principali piazze europee hanno virato in leggero negativo con il Dax di Francoforte che ha limitato le perdite a -0,46% nonostante il tonfo dell'indice Ifo sulla fiducia delle aziende tedesche.

alternate text

Piazza Affari in rosso, tonfo per Tenaris

Chiusura di settimana con vero e proprio tonfo per Piazza Affari, spinta al ribasso come tutta Europa dai futures americani in rosso per i timori sulla possibile recessione e dal calo oltre le stime degli indici Pmi nel Vecchio Continente. Pesa lo scenario internazionale tra inflazione che non si ferma e tensione crescente tra Russia e Occidente, con l’Ue che inizierà a discutere nel fine settimana il nuovo pacchetto di sanzioni contro Mosca. La Bce sta poi valutando un possibile ritocco delle op...

alternate text

Rimbalzo per Piazza Affari, bene Leonardo e Tim

Rimbalzo per Piazza Affari, in scia con le altre Borse europee, in attesa della decisione della Fed, attesa in serata, sull’ulteriore rialzo dei tassi di interesse. Gli economisti della Banca centrale americana stanno decidendo se procedere con un aumento di 75 o 100 punti base, ma l’aspettativa prevalente è che non si scelga un rialzo troppo imponente, che rischierebbe di sorprendere negativamente i mercati. Ne sono convinti gli analisti di Metzler Sebastian Sachs ed Eugen Keller, secondo cui la...

alternate text

Risale Piazza Affari, torna a salire Tim

Inizio di settimana positivo per Piazza Affari, dopo una giornata vissuta sull’altalena. Dopo un inizio negativo, infatti, la Borsa di Milano si riprende grazie al rialzo dei titoli finanziari, industriali ed energetici. Tuttavia rimangono le preoccupazioni degli investitori, dovute all’analisi della Bundesbank sull’andamento dell’economia tedesca, con aumento dei segnali di recessione e previsione dell’inflazione in crescita al 10%.

alternate text

Piazza Affari in ribasso, tonfo per Tim

Chiusura di settimana negativa per Piazza Affari, spinta al ribasso assieme alle altre Borse europee dai dati negativi di Wall Street. Oggi è stata la seduta delle cosiddette “Quattro streghe”, sono cioè scaduti quattro tipi di contratti di finanza strutturata (opzioni su indici e specifici, futures su indici e specifici). In tutto erano in scadenza circa 3.200 miliardi di derivati su indici e azioni. L'euro è ancora sotto la parità contro il dollaro e cala il prezzo del gas ad Amsterdam, viaggia...

alternate text

La Bce alza i tassi, ma Piazza Affari sale

Nel giorno in cui la Bce ha stabilito, come previsto, l’aumento dei tassi di interesse di 75 punti base, Piazza Affari chiude in rialzo. A rassicurare gli investitori sono le parole di Christine Lagarde sulla prontezza e la misura dell’intervento e l’efficacia dello scudo anti-spread per frenare possibili speculazioni del mercato, mentre le banche guadagnano terreno proprio per effetto della politica monetaria restrittiva. Inoltre, per ora, non scattano ulteriori aumenti, che tuttavia si vedranno...

alternate text

Piazza Affari in calo, tonfo per Hera ed Eni

Dopo una partenza positiva Piazza Affari soffre i dati negativi sull’inflazione in Italia e in Europa, con i prezzi che continuano ad aumentare. A Milano, nell’ultima seduta del mese il Ftse Mib chiude perdendo l’1,22%, a 21.559,32 punti. Non migliora poi in modo significativo lo spread tra Btp e Bund tedeschi, che si aggira ancora attorno ai 230 punti base.

alternate text

Piazza Affari in positivo, brillano Tim e Nexi

Giornata positiva con alcuni spunti significativi per Piazza Affari, in linea con i progressi di Wall Street e delle altre Borse europee. A Milano il Ftse Mib guadagna lo 0,49% e chiude a 22.865,82 punti. Qualche tensione sui titoli di Stato italiani, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi che però alla fine chiude ancora sotto i 205 punti base.

alternate text

Piazza Affari prosegue al rialzo, bene petroliferi e tecnologici

Il rialzo dei listini americani, dopo l’inatteso rallentamento dell’inflazione di luglio reso noto ieri, fa ancora bene a Piazza Affari, maglia rosa d’Europa. Nonostante la Fed continuerà con la stretta sui tassi, il Ftse Mib chiude una giornata senza scossoni con un progresso dello 0,69%, a 22.858,18 punti. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi, quindi, rimane stabile attorno ai 205 punti base.

alternate text

La paura frena Piazza Affari, si salvano Bper e Tenaris

Giornata negativa per Piazza Affari, frenata dalle paure degli investitori internazionali per le tensioni geopolitiche che danneggiano il settore dei semiconduttori, unite ai timori per il dato sull'inflazione americana di luglio che arriverà domani e per le conseguenti mosse delle banche centrali. Dopo il guadagno di ieri il Ftse Mib perde l’1,05%, chiudendo a 22.488,49 punti. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi rimane vicino ai 210 punti base.

alternate text

Le utilities permettono a Piazza Affari di chiudere positiva

Piazza Affari ha terminato l’ultima seduta della settimana, la prima del secondo semestre (il primo per i maggiori listini si è chiuso in rosso di circa 20 punti percentuali), di poco sopra la parità. Dopo il +6,3% messo a segno a maggio dall’indice dei prezzi statunitense Pce, quello preferito dalla Federal Reserve, oggi è stata la volta dell’inflazione europea, salita più delle stime dall’8,1 all’8,6% (a giugno gli analisti avevano stimato un incremento all’8,4 per cento).

alternate text

Piazza Affari in pesante rosso, due le cause

Nuova seduta all’insegna delle vendite per i listini europei, penalizzati da un lato dalle indicazioni arrivate da Jerome Powell, che ha ribadito che più che guardare all’andamento dei mercati e alla crescita economica è attento all’evolversi della dinamica inflazionistica, e da Andrea Enria.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza