cerca CERCA
Domenica 19 Settembre 2021
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Brigate Rosse

alternate text

Terroristi arrestati in Francia, Liguori: "Iniziativa Eliseo per Draghi"

"E' un'iniziatica dell'Eliseo verso il governo Draghi, una cosa nuova che Macron fa personalmente". E' il commento a caldo del direttore del tgcom Paolo Liguori alla notizia degli arresti in Francia degli ex brigatisti rossi e del cofondatore di Lotta Continua, Giorgio Pietrostefani. Contattato dall'Adnkronos, Liguori, che al quotidiano di LC lavorò alla fine degli anni '70, preferisce non entrare "nel merito" della vicenda. "E' una cosa del tutto nuova", ripete, "non è sulla scia di tutto il kho...

Br: Persichetti, 'Moretti infiltrato? Macchina del fango, documenti desecretati lo dimostrano'

Arrestato a Milano il 4 aprile del 1981, "Mario Moretti, 75 anni compiuti il 16 gennaio 2021, ha raggiunto il suo quarantesimo anno di esecuzione pena. E’ l’unico membro del nucleo storico e del comitato esecutivo delle Brigate rosse ad essere ancora in carcere, in regime di semilibertà, misura ottenuta nel 1997 e che ha visto in questi anni chiusure, riaperture, restrizioni. Una circostanza che da sola dovrebbe fare giustizia dell’accusa che da più parti gli viene mossa di essere stato un infilt...

alternate text

Terrorismo, avvocato ex Br in Francia: "Voltare pagina, Italia conceda amnistia"

"Non capisco come in Italia non si riesca, come è successo in altre questioni storiche, a concedere l'amministia per delle vicende vecchie di oltre 40 anni. E' incomprensibile. Ci vuole una pacificazione, servono misure di amnistia". Ad affermarlo all'Adnkronos è l'avvocata francese Irène Terrel, storico difensore di molti dei fuoriusciti italiani della lotta armata commentando l'incontro tra il ministro della Giustizia Marta Cartabia e il suo omologo francese Eric Dupond-Moretti, durante il qual...

alternate text

Strage Bologna: ricercatore, 'Catracchia non era amministratore via Gradoli, lo dicono i verbali'

"Fermo restando che nell’aprile 1978, mese in cui viene appunto scoperta la base delle Brigate Rosse in via Gradoli 96, il Sisde non disponeva di una concreta organizzazione è bene sottolineare che, in quel momento, Domenico Catracchia NON ERA l’amministratore di quel palazzo. Il tutto si evince facilmente dalla lettura dei verbali relativi alle testimonianze". Lo scrive Nicola Lofoco, scrittore e giornalista esperto di terrorismo, che, sul suo blog "Anni di piombo e non solo", pubblica anche gli...

alternate text

Report, minacce da Nuove Br: "Voi il marcio del sistema corrotto"

"Voi il marcio del sistema corrotto. Solo falsa informazione per potere e poltrone. Cercate meglio negli armadi, oltre agli scheletri avete le bombe". E' la lettera, come apprende l'Adnkronos, inviata da Padova alla redazione di Report, il programma di inchiesta Rai e ricevuta in redazione martedì scorso. Un foglio a quadretti scritto in stampatello con caratteri prestampati e in alto in pennarello la sigla nuove Brigate Rosse con la stella a cinque punte.

alternate text

Zaia: "Minacciato da lettera Br, ma per cosa?"

"Certo, il clima è pesante, di minacce poi se ne ricevono molte, sempre, e molte vengono derubricate, ma quando ne ricevi una con la carta intestata dalle Br ti viene da riflettere". Così il presidente del Veneto Luca Zaia ha confermato di aver ricevuto una lettera di minacce dal presunto gruppo terroristico.

alternate text

Nuove Br, figlio capo scorta Moro: "Ritorno? Non credo, ma qualcuno vuole cavalcare subbuglio"

"Il subbuglio c'è e la situazione non è certo da sottovalutare, ma non credo sia possibile un ritorno delle Brigate Rosse degli anni di piombo. Mi viene più facile pensare che si tratti di qualcuno che vuole cavalcare il momento". Lo ha detto all'Adnkronos Sandro Leonardi, figlio di Oreste, capo della scorta di Aldo Moro ucciso dalle Br nell'agguato di via Fani il 16 marzo 1978, commentando la lettera di minacce ricevuta dal sindaco di Ferrara e firmata Nuove Brigate Rosse.

alternate text

Nuove Br, la vedova D'Antona: "Lettere segnale molto inquietante"

"E' un segnale molto inquietante. Col malessere sociale che c'è al momento questi sperano di trovare terreno fertile". Così Olga d'Antona, vedova di Massimo, il giuslavorista ucciso a Roma il 20 maggio 1999 dalle Brigate Rosse, commenta all'Adnkronos le lettere, a firma Nuove Brigate rosse, recapitate tra ieri e oggi presso la sede nazionale del Partito democratico a Roma, e ai sindaci di alcune città dell'Emilia Romagna, tra cui Ferrara, Rimini e Modena.

alternate text

Caso Moro: giornalista Kraatz querela membro commissione Grassi, 'non aiutai Br'

La giornalista Birgit Kraatz querela per diffamazione l’ex membro della commissione Moro 2 Gero Grassi, contestandogli di aver sostenuto, tra l'altro nel libro scritto sul caso Moro, che lei appartenesse al gruppo eversivo tedesco 2 giugno, identificandola come fiancheggiatrice delle Brigate Rosse durante il sequestro del leader Dc e membro della Raf.

alternate text

Cirio come Moro ostaggio Br, trovati volantini a Torino

Il volto del presidente della Regione Piemonte al posto di quello di Moro in alcuni volantini apparsi nei pressi del centro sociale Askatasuna e subito rimossi dalla Digos. Cirio: "Intimidazioni non ci fermano". Solidarietà di Fdi, Lega e Pd

alternate text

Via Gradoli, comitato anti fake su Moro: 51 storici firmano contro 'complottismo'

In meno di un mese i firmatari "contro la dietrologia" sul sequestro Moro sono più che raddoppiati. A quei 23 tra storici, ricercatori, studiosi indipendenti e giornalisti che lo scorso 17 agosto avevano reso noto il loro circostanziato dissenso "sulle fantasie di complotto" (in modo particolare sulla vicenda di via Gradoli), si sono aggiunti altri 28 analoghi firmatari e portato a 51 il numero totale.

alternate text

Rossanda, le Br e "l'album di famiglia": l'editoriale del 1978

Il 28 marzo 1978, in pieno sequestro dello statista democristiano Aldo Moro, da parte dei terroristi delle Brigate Rosse, Rossana Rossanda pubblica su "il Manifesto", in prima pagina, un editoriale intitolato "Il discorso sulla Dc", con la celebre affermazione sull'"album di famiglia" e le Br. Era un corsivo polemico con le interpretazioni sulla matrice delle Brigate Rosse e con un Pci non più in grado di criticare la Dc, dunque "scoperto" di fronte alla presunta destabilizzazione verso destra de...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza