cerca CERCA
Mercoledì 27 Gennaio 2021
Aggiornato: 08:24

Italia zona rossa

alternate text

Scuola, Ricciardi: "Riapertura? Non ci sono le condizioni"

"Ho detto ripetutamente che le scuole vanno aperte dopo aver fatto abbassare la curva epidemica a livello tale da rendere stabile la loro apertura. Al momento quindi non ci sono le condizioni epidemiologiche". A riferirlo all'Adnkronos Salute è Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute Roberto Speranza e docente di Igiene all'Università Cattolica. Una linea, quella dettata da Ricciardi, condivisa già da molte regioni.

alternate text

Nuove misure da 7 gennaio, incontro governo-regioni

Covid, nuove misure in arrivo. "E' assai probabile che questa sera alle 21.30 ci sia un primo incontro tra governo e Regioni" annuncia in una diretta Facebook il governatore Ligure Giovanni Toti, spiegando che servirà per "cominciare a ragionare in tempi piuttosto stretti su nuove regole" per dopo l'Epifania, le fasce o "qualcos'altro che il governo vorrà proporci". "Ovviamente -ha spiegato- sentiremo che cosa avranno da dire, ovviamente tutti quanti siamo molto attenti alla diffusione del Covid,...

alternate text

Italia zona arancione 9-10 gennaio, misure in arrivo

Italia zona arancione nel weekend del 9 e 10 gennaio. E' l'ipotesi che si profila nella giornata caratterizzata da riunioni per la definizione delle regole che verranno adottate dal 7 gennaio per contrastare la diffusione del Coronavirus.

alternate text

Capodanno in zona rossa: coprifuoco e autocertificazione

Italia nuovamente zona rossa da ieri, 31 dicembre, per scongiurare assembramenti durante il Capodanno, con coprifuoco esteso dalle 22 alle 7 per tutta la giornata di oggi (salvo motivi di lavoro, di necessità o di salute). Le restrizioni al massimo livello saranno in vigore fino al prossimo 3 gennaio compreso. Fino ad allora, per spostamenti e visite sarà sempre necessaria l'autocertificazione (QUI IL MODULO IN PDF).

alternate text

Capodanno in zona rossa, quando serve l'autocertificazione

Italia in zona rossa e autocertificazione per gli spostamenti. Il Capodanno porta di nuovo le restrizioni nel Paese al massimo livello. Tra il 31 dicembre e il 1° gennaio il coprifuoco sarà in vigore dalle 22 alle 7 del mattino, salvi motivi di lavoro, di necessità o di salute che vanno documentati con l'autocertificazione (QUI IL MODULO IN PDF).

alternate text

Ricciardi: "No a riapertura scuole, prolungare zona rossa"

"Il lockdown natalizio andrebbe prolungato almeno fino a metà gennaio e non ci sono le condizioni per riaprire le scuole tra una settimana". Lo afferma Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l'emergenza coronavirus e professore di Igiene all'Università Cattolica, in un'intervista a 'La Stampa'.

alternate text

Speranza: "Dopo l'Epifania il coprifuoco resterà"

In un'Italia in zona rossa per le feste natalizie a causa delle restrizioni per il Covid, resta "prioritario il ritorno in classe. E' il nostro obiettivo - afferma Roberto Speranza -. Certo, finché i vaccini non produrranno un impatto epidemiologico sulla popolazione, l’unica cosa che funziona sono le misure restrittive. L’indice Rt dà segni di ripresa, dopo la Befana dovremo ripristinare il modello delle fasce di rischio e confermare le misure base delle zone gialle. Sì, ristoranti e bar chiusi ...

alternate text

Italia zona rossa a Capodanno, regole e coprifuoco: cosa si può fare

L'Italia in zona rossa per Capodanno 2021. Da oggi fino al 3 gennaio di nuovo in vigore le regole più restrittive, previste dal decreto Natale, con l'aggiunta di un coprifuoco 'speciale'. Secondo il calendario, previsto dal provvedimento, il 31 dicembre segna il ripristino delle restrizioni sugli spostamenti e negozi per fronteggiare i rischi legati alla diffusione del Coronavirus. Fino al 3 gennaio, e poi ancora il 5 e il 6, l'Italia dovrà fare i conti con uno scenario di massima gravità caratte...

alternate text

Bassetti: "Alcune zone dovevano essere nere, Veneto soffre"

"Alcune zone a Natale dovevano essere nere, non rosse". Lo dice Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria, in collegamento con la trasmissione 'Tagadà' su La7.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza