cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 16:46
Temi caldi

MIB

alternate text

Piazza Affari, Ftse Mib chiude sotto quota 25 mila punti

Chiusura sotto quota 25 mila punti per il nostro Ftse Mib, appesantito dalle nuove indicazioni in arrivo dalla Cina, dove dall’Ufficio di Statistica hanno espresso preoccupazione per le tante minacce all’economia, e dai numeri sulla diffusione del virus. L’indiscrezione su un presunto accordo per regolare la produzione di petrolio ha fatto registrare un’altra seduta negativa alle quotazioni del greggio, in calo dello 0,5% a 74,4 dollari il barile.

alternate text

Ftse Mib in rosso, spread rialza la testa

Giornata di vendite generalizzate in Europa in scia della fissazione del nuovo target di inflazione da parte della Banca Centrale Europea. Come da attese, oggi l’istituto guidato da Christine Lagarde è passato da un dato “inferiore ma vicino al 2%” ad un “2% simmetrico”, con deviazioni al rialzo e al ribasso valutate "indesiderabili". Si tratta di una svolta in senso accomodante, visto che nel 2023 il dato relativo l’andamento dei prezzi al consumo è attualmente stimato all’1,4%.

alternate text

Borsa, Ftse Mib chiude poco mosso

Seduta poco mossa per una Piazza Affari in trepidante attesa delle minute dell’ultima riunione della Federal Reserve. Dalla pubblicazione dei verbali della riunione di metà giugno gli operatori si attendono indicazioni sulle tempistiche e le modalità con cui gli strumenti straordinari saranno ritirati.

alternate text

Piazza Affari ai massimi dal 2008

Massimi dal 2008 per la borsa di Milano. Grazie al +0,6% messo a segno oggi, il Ftse Mib ha terminato la seduta sui livelli pre-Covid a 25.321,82 punti dopo essersi spinto poco prima dell’avvio delle contrattazioni a New York fino a 25.553,39 punti, il dato maggiore dall’ottobre del 2008 (poco prima del crollo innescato dal fallimento di Lehman Brothers).

alternate text

Borsa: Milano, la settimana del Ftse Mib si chiude sopra quota 25mila

Chiusura di settimana sopra la soglia dei 25 mila punti per il nostro Ftse Mib, in rialzo dello 0,45% a 25.169,39 punti. Il prossimo obiettivo è ora rappresentato dal top dei 25.483,05 punti toccato lo scorso 19 febbraio 2020, poco prima che la pandemia innescasse il crollo che a metà marzo spinse il paniere delle blue chip a 14.100 punti.

alternate text

Due velocità per Ftse Mib e spread

Chiusura sopra quota 25 mila punti per il paniere principale della borsa italiana, salito oggi dell’1,12% a 25.056,19 punti. A spingere al rialzo il Ftse Mib ci hanno pensato i titoli del comparto industriale (+5,03% di CNH Industrial, +4,09% di Stellantis e +2,6% di Pirelli) ed i bancari (+2,58% per Banco BPM, +2,05% di Intesa Sanpaolo ed il +2,07% registrato dalle azioni UniCredit).

alternate text

Draghi mette il turbo al Ftse MIb

Se c’era un candidato premier in grado di riscuotere consensi tra gli operatori finanziari, quello era Mario Draghi. Se mai ce ne fosse bisogno, oggi Piazza Affari lo ha ribadito a gran voce: da un lato il Ftse Mib ha terminato con un rialzo del 2,09% a 22.527,9 punti, dall’altro lo spread Btp-Bund ha registrato un tonfo di oltre 7 punti percentuali riportandosi sui minimi dal 2016 a 105 punti base.

alternate text

Il comparto energetico spinge il Ftse Mib sopra 22 mila punti

Chiusura di seduta tutta in positivo per le borse europee nonostante lo stop imposto da Trump, che chiede che sia rinforzato, al pacchetto di stimoli all’economia USA. Indicazioni contrastanti quelle che arrivano dal fronte delle trattative per la Brexit, dove ormai si va avanti ad oltranza. Nell’ultima seduta prima delle festività natalizie, il Ftse Mib si è fermato a 22.130,18 punti, +1,31% rispetto al dato precedente, mentre lo spread Btp-Bund è sceso del 2,8% a 109 punti base.

alternate text

Borsa: Milano chiude positiva, banche in evidenza

La sfida tra l’entusiasmo per l’arrivo dei vaccini e l’incremento dei contagi anche oggi si è risolta a favore del primo che, dalla sua parte, ha l’enorme mole di stimoli monetari e fiscali messi in campo da governi e banche centrali delle principali economie. A Milano il Ftse Mib si è così fermato a 21.622,66 punti, +0,88% sul dato precedente, e lo spread, grazie alla discesa del nostro decennale sotto quota 0,6% (0,574%), si è confermato a 116 punti base.

alternate text

Borsa: Milano inizia l’ottava con il segno meno, Fca in controtendenza

Avvio di settimana negativo per le borse europee, alle prese con il nuovo balzo dei contagi e con le conseguenti misure restrittive. In questo contesto, il nostro Ftse Mib, che ha terminato a 18.945,14 punti (-1,76%), non ha potuto capitalizzare la decisione annunciata venerdì sera da S&P che, nel confermare la valutazione sul merito di credito italiano, ha alzato l’outlook da "negativo" a "stabile". La notizia ha invece spinto al ribasso lo spread con i titoli “made in Germany”, sceso del 4% a 1...

alternate text

Borsa: Piazza Affari piatta, Diasorin in evidenza

Chiusura in sostanziale parità per le borse europee all’indomani del meeting della Banca Centrale Europea e nonostante gli acquisti sui listini a stelle e strisce. A Piazza Affari nell’ultima seduta della settimana il Ftse Mib si è confermato a 19.820,75 punti (0%) mentre lo spread Italia-Germania ha evidenziato un rialzo dell’1,3% a 147 punti base.

alternate text

Borsa: Ftse Mib inizia la settimana con il segno meno, denaro su Diasorin

Partite positive, le Borse europee hanno via via perso terreno chiudendo la prima seduta della settimana (e l’ultima del mese di agosto) con il segno meno. Sul listino di Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha terminato in calo dell’1,04% a 19.633,69 punti, riflettori puntati su Telecom Italia, che vira in negativo a fine seduta (-0,5%) nel giorno del cda sul riassetto di FiberCop con il fondo Kkr e sul progetto di creazione della rete unica a banda larga ultraveloce.

alternate text

Borsa: Piazza affari chiude invariato, UniCredit svetta sul Ftse Mib

Ultima seduta della settimana all’insegna della prudenza per le borse europee, sotto la parità nonostante il nuovo corso inaugurato ieri dalla Federal Reserve (che ha fatto sapere di aver sostanzialmente abbandonato il mantra dell’inflazione al 2% per concentrarsi sulla ripresa dell’economia). Nel Vecchio continente spicca la performance di Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha terminato invariato a 19.841,01 punti (-0,03%).

alternate text

Borsa: Ftse Mib a 20 mila punti, seduta da dimenticare per Ubi Banca

La prima seduta dell’ottava del Ftse Mib si chiude in rosso in quota 20 mila punti. Sui mercati il timore maggiore è rappresentato da un ritorno della pandemia che, inevitabilmente finirebbe per mettere a rischio la tanto agognata ripresa dell’economia. E le indicazioni in arrivo dalla Spagna, dove sono stati registrati nuovi focolai, non fanno ben sperare.

alternate text

Borsa: Ftse Mib a 20 mila punti, seduta da dimenticare per Ubi Banca

La prima seduta dell’ottava del Ftse Mib si chiude in rosso in quota 20 mila punti. Sui mercati il timore maggiore è rappresentato da un ritorno della pandemia che, inevitabilmente finirebbe per mettere a rischio la tanto agognata ripresa dell’economia. E le indicazioni in arrivo dalla Spagna, dove sono stati registrati nuovi focolai, non fanno ben sperare.

alternate text

Borsa: le utilities permettono al Ftse Mib di chiudere in positivo

Nonostante il clima di cautela a causa del vertice sul Recovery Fund, Piazza Affari è riuscita a chiudere l’ultima seduta della settimana con il segno più. Sul Ftse Mib, che oggi ha terminato con un +0,31% a 20.419,39 punti, la performance migliore è stata registrata da STMicroelectronics (+2,39%) in scia dell’annuncio di due accordi di M&A e in attesa dei conti (che saranno diffusi la prossima settimana).

alternate text

Borsa: Ftse Mib chiude a 20 mila punti, Atlantia sprofonda

Avvio di settimana tutto con il segno più per i listini europei che, nonostante le indicazioni in arrivo dai dati relativi la pandemia, hanno iniziato l’ottava all’insegna degli acquisti in vista del meeting della Banca Centrale Europea e delle discussioni sul Recovery Fund. A Milano il Ftse Mib, che ha terminato in rialzo dell’1,19% a 20.003,25 punti, ha pagato pegno al tonfo di Atlantia (-15,19%), sempre più vicina alla revoca della concessione.

alternate text

Borsa: Piazza Affari in rosso, crollo di Atlantia

Seduta con il segno meno per il listino milanese, il Ftse Mib ha chiuso con un -1,98% a 19.505,95 punti, trascinato al ribasso da Atlantia (-8,29%) e dai titoli del comparto oil. In particolare, la prima è stata pesantemente penalizzata dagli aggiornamenti relativi le concessioni autostradali, visto che la Corte Costituzionale ha dichiarato la legittimità del decreto con cui il governo ha escluso la società dalla ricostruzione del ponte Morandi. Grande attesa per il Cda della società e per l’inco...

alternate text

Borsa: Ftse Mib chiude sopra quota 20 mila punti

Avvio di settimana particolarmente positivo per le borse europee. In scia dei miglioramenti messi a segno nelle ultime settimane dai dati macroeconomici e in attesa di nuovi stimoli da parte delle banche centrali, gli operatori continuano a vedere il bicchiere mezzo pieno a dispetto delle indicazioni decisamente preoccupanti che arrivano dal fronte virus.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza