cerca CERCA
Lunedì 08 Agosto 2022
Aggiornato: 20:54
Temi caldi

Massimo Galli

alternate text

Galli: "Io tifoso a San Siro per Inter, non è momento di riaprire stadi"

"Tra i 1000 a San Siro l'altra sera c'ero anche io. Lo dico con una fitta al cuore, da tifoso mi dispiace molto l'idea degli stadi vuoti ma non possiamo ragionare in termini" di riapertura. Sono le parole del professor Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, che sabato ha assistito a Inter-Fiorentina al Meazza. "Anche con mille persone bisogna stare attenti al deflusso", aggiunge a L'aria che tira.

alternate text

Galli: "Lockdown ci ha protetto, ma equilibrio è fragile"

"La mia personale impressione è che il lockdown per come lo abbiamo vissuto e sofferto, più rigoroso che altrove, abbia limitato la circolazione del virus in alcune parti d’Italia. Parecchie regioni non hanno avuto nuovi casi per un determinato lasso di tempo. Quell’intervento radicale ci ha dato una sorta di onda lunga di protezione, ma l’equilibrio è fragile". Ad affermarlo, in un'intervista al 'Corriere della Sera', è Massimo Galli, il direttore del dipartimento di malattie infettive dell’ospe...

alternate text

Covid, Galli: "Non mi aspetto una grande seconda ondata"

"La grande seconda ondata non ce l'aspettiamo. Un rapido peggioramento che ci ponga in condizioni simili a Francia, Spagna, Gran Bretagna dubito, ma credo che sia un'eventualità da contenere. E' necessario capire cosa succede nelle prossime 2 o 3 settimane". E' la visione di Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco - università degli Studi di Milano, intervenuto a un convegno sulla povertà sanitaria e farmaceutica minorile in Lombardia prima e dopo l'emergenza Covid-19, promosso nel capol...

alternate text

Galli: "Liberi in 6 mesi dal covid? Non sono convinto"

"Non sono affatto convinto che" il covid "ci libererà entro 6 mesi. L'ottimismo deve essere accompagnato da interventi giusti". Sono le parole del professor Massimo Galli, responsabile del reparto Malattie infettive dell'ospedale Sacco, a Cartabianca. "E' un virus nuovo, una realtà nuova. E' difficile trovarsi di fronte ad una seconda ondata della stessa portata della prima, però abbiamo evidenti problemi: basta guardare i numeri e basta guardare cosa sta succedendo nei nostri ospedali, anche se ...

alternate text

Galli: "Quarantena va riconsiderata, inserire test rapidi"

"Più di un terzo delle persone che si infettano con Sars-CoV-2 rimane asintomatico. Quindi perché continuare con un'indicazione dell'Oms, più politica che scientifica, che a suo tempo ha detto 14 giorni di quarantena perché più o meno sono il periodo massimo di incubazione della patologia? Questo poi è stato detto per i numerosissimi Paesi nel mondo che non sono in grado di fare i test. Spero che l'Italia non debba messa essere nel novero dei Paesi che non sono in grado di fare i test". Lo ha sug...

alternate text

Elezioni, Galli: "Voterò con mascherina, mie critiche sui tempi"

E' un rischio, in tempi di Covid-19, andare ai seggi per esprimere la propria preferenza o per fare lo scrutatore? "Posso solo dire che io stesso andrò a votare, con la mascherina. E non ho mai detto che non si debba andare. Mi sono però espresso criticamente sul fatto di avere interpolato le elezioni con l'apertura delle scuole, in un momento in cui siamo ancora in una dichiarata emergenza sanitaria". Ne fa una questione di tempi Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco-università degli ...

alternate text

Galli: "In grado di gestire i focolai, ma guardia alta"

"I numeri attuali dei contagi sono dovuti a focolai isolati che si accendono in varie parti della penisola. Sottolineano che il virus c’è, continua a serpeggiare, senza diffondersi come in un recente passato". Così Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive all'ospedale Sacco di Milano, commenta in un'intervista al 'Quotidiano nazionale' i contagi di Covid nel nostro Paese, in crescita da qualche giorno.

alternate text

Covid, Galli: "Contagi d'importazione ma anche molti sommersi nel Paese"

I contagi di Covid-19 non sono solo d'importazione ma c'è anche molto sommerso nel Paese. Ne è convinto Massimo Galli, primario infettivologo del Sacco di Milano. "Chiudere i confini implicherebbe danni molto grossi al turismo e non sarebbe affatto facile. Dobbiamo convivere con i contagi d'importazione. E consideriamo che ne abbiamo moltissimi sommersi anche all'interno del Paese", spiega in un'intervista al Giornale.

alternate text

Galli: "Virus morto? Lo dice minoranza rumorosa di colleghi buonisti..."

"Non è vero che questa cosa non sia stata smentita. Da alcune settimane evito di entrare in polemica su questo tema, che significherebbe accreditare questa tesi di pari dignità scientifica. Continuiamo ad avere focolai, ci sono fortunatamente poche persone che arrivano in terapia intensiva". Il professor Massimo Galli, direttore di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, a Stasera Italia risponde ad una domanda sulle dichiarazioni del professor Alberto Zangrillo: "Quando ho detto che il...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza