cerca CERCA
Mercoledì 12 Maggio 2021
Aggiornato: 10:41
Temi caldi

Nobel

alternate text

Nobel per la pace, direttore Wfp: "Accetto a nome dei 100 milioni di affamati che aiutiamo"

Il direttore esecutivo del World Food Programme (Wfp), David Beasley, ha accettato il Premio Nobel per la pace 2020 "a nome dei 100 milioni di persone affamate che serviamo". Questo è più di un riconoscimento, è "un invito all'azione", ha detto, dopo aver accettato il premio - un diploma e una medaglia d'oro - presso la sede dell'agenzia a Roma, invece che a Oslo, dove tutte le cerimonie sono state annullate a causa della pandemia di coronavirus. Il premio è stato consegnato da Lisa Pelletti Clar...

alternate text

Capucci: "Il mio abito da 'regina' per il Nobel Levi Montalcini"

"Non conoscevo Rita Levi Montalcini prima del Nobel. Mi chiese di disegnarle un abito per la cerimonia di premiazione a Stoccolma. Era magrissima, molto piccola. Feci un solo disegno. E le piacque moltissimo. Colori scuri, 'caravaggeschi', il verde, il viola, il prugna, che ben si confacevano al colore dei suoi capelli. Da quel giorno nacque una profonda amicizia". E' quanto ha ricordato in una intervista all'Adnkronos lo stilista Roberto Capucci, che firmò l'abito che Rita Levi Montalcini avrebb...

alternate text

World Food Programme: cosa fa l'agenzia Onu con sede a Roma

Con 86,7 milioni di persone assistite in circa 83 paesi ogni anno, il World Food Programme (Wfp), la cui sede è a Roma è la principale organizzazione umanitaria e agenzia delle Nazioni Unite impegnata a salvare e cambiare le vite, fornendo assistenza alimentare nelle emergenze e lavorando con le comunità per migliorarne la nutrizione e costruirne la resilienza. Fu fondato nel 1961 quando George McGovern, allora direttore del programma di aiuto alimentare degli Stati Uniti, propose, durante la con...

alternate text

UN World Food Programme wins Nobel peace prize

The United Nations World Food Programme has won this year's Nobel peace prize for its work in fighting hunger and its efforts to create conditions that can help bring peace to conflict areas, the Norwegian Nobel committee announced on Friday.

alternate text
Nobel

Nobel per la Pace al World Food Programme

L'assegnazione per essere "una forza efficace nella lotta alla fame", anche nel corso della pandemia: "Fino a quando non si avrà un vaccino - spiega il comitato -, il miglior vaccino contro il caos è garantire che ci sia cibo". La portavoce in Italia all'Adnkronos: "Nobel sprona a lavorare di più". Il tweet del Wfp: "Zero fame e pace vanno di pari passo". Cosa fa l'agenzia Onu con sede a Roma: alla guida ex governatore Usa sostenitore Trump. Greta Thunberg, da favorita a 'grande sconfitta'

alternate text

E' morto il chimico Mario Molina, il Nobel che per primo lanciò l'allarme ozono

Il chimico messicano naturalizzato statunitense Mario José Molina, Premio Nobel per la Chimica 1995 assieme a Frank Sherwood Rowland e Paul Crutzen per il loro lavoro pionieristico sulla formazione e sulla decomposizione dell'ozono, è morto all'età di 77 anni a Città del Messico. L'annuncio della scomparsa è stato dato dall'Università Nazionale Autonoma del Messico. Fu Molina a scoprire il ruolo dei gas Cfc (clorofluorocarburi) nel progressivo deterioramento dello strato di ozono che protegge il ...

alternate text

Nobel per la Chimica, chi sono le scienziate

Il Nobel per la Chimica 2020 è stato assegnato alla francese Emmanuelle Charpentier, nata a Juvisy-sur-Orge, in Francia, nel 1968, Direttore del Max Planck Unit for the Science of Pathogens di Berlino, in Germania, ed alla scienziata statunitense Jennifer A. Doudna nata nel 1964 a Washington, negli Usa, e Professore alla Berkeley University della California e ricercatrice all'Hhminews. Emmanuelle Charpentier e Jennifer Doudna hanno studiato il sistema immunitario di un batterio Streptococcus ed h...

alternate text

Nobel per la Chimica alle scienziate Charpentier e Doudna

L'assegnazione per avere sviluppato il sistema di editing del genoma Crispr/Cas9. "Dalle forbici genetiche un impatto rivoluzionario anche per nuove terapie contro il cancro e la cura di malattie ereditarie", ha spiegato l'Accademia reale svedese delle Scienze. Chi sono Emmanuelle Charpentier e Jennifer Doudna

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza