cerca CERCA
Venerdì 20 Maggio 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Odessa

alternate text

Poletti (Odessa Journal): ''Siamo obiettivo finale più importante di Kiev, Papa in difficoltà per dialogo''

''Odessa in questo momento è sotto attacco missilistico''. E ''se c'è l'ostinazione di continuare questa guerra'', allora ''Odessa torna a essere l'obiettivo finale''. Un ''obiettivo ancora più importante di Kiev perché significherebbe il controllo sul Mar Nero''. E' quanto spiega all'Adnkronos l'imprenditore milanese Ugo Poletti, direttore dell'unico giornale online in lingua inglese di Odessa 'The Odessa Journal', il giorno dopo l'attacco missilistico nel quale è rimasto ucciso un ragazzo di 15...

alternate text

Il direttore di 'Odessa Journal' Poletti: ''Spiaggia minata e morale alto in attesa dei russi''

La spiaggia di Odessa è ''disseminata di mine''. ''Nel centro storico ci sono le difese anticarro'' perché ''tutti gli uomini dai 18 ai 60 anni sono mobilitati, sono pronti a combattere''. E mentre ''a Odessa si vive in un clima di attesa rassegnata, preoccupata e angosciata'', in molti credono che ''i russi non l'attaccheranno come hanno attaccato Kharkiv o Kiev''. Perché ''Odessa è molto amata dai russi, sia dagli oligarchi sia dal turista medio. E' come Forte dei Marmi o Portofino per gli ital...

Ucraina, italiano ad Odessa: "Ieri ristoranti pieni, stamattina esplosioni e supermercati presi d'assalto"

"Odessa ieri era una città normalissima, i ristoranti erano pieni, non c'era un clima di guerra. Nessuno pensava che attaccassero, invece stamattina alle 5.30 abbiamo sentito delle esplosioni, ma non abbiamo visto fumo: forse è stato colpito qualche obiettivo sensibile. C'è stata un po' di paura, ma poi da quel momento fino ad ora più nulla". Albino Locatelli vive ad Odessa e racconta all'Adnkronos la situazione nella città dopo l'operazione militare lanciata da Putin con l'invasione dell'Ucraina...

alternate text

Kiev rafforza la presenza militare a frontiera Bielorussia e accanto a Odessa

Le Guardie di frontiera ucraine, insieme alle forze armate e alla Polizia nazionale, hanno avviato una "operazione speciale" alla frontiera della Bielorussia nel timore che il regime di Minsk crei una crisi con i migranti anche su questo confine, come ha fatto con quello polacco. Saranno impiegati "attivamente" anche aerei, droni, e sistemi di sorveglianza, oltre che 8.500 persone in divisa, precisa il vice comandante delle Guardie di frontiera, Vladimir Nikiforenko.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza