cerca CERCA
Lunedì 17 Maggio 2021
Aggiornato: 00:31
Temi caldi

Vittorio Feltri

alternate text

Feltri: "Censura social a Trump? Da noi lo fa servizio pubblico tv"

"La censura fa schifo, ma se qui da noi le prime censure vengono fatte già a livello di servizio pubblico televisivo, poi non possiamo stupirci del fatto che Twitter o Facebook, che sono aziende private, mandano a fare in c.... anche Trump". Non la manda a dire Vittorio Feltri che, interpellato dall'Adnkronos sulle polemiche divampate in seguito alla sospensione degli account social di Donald Trump, da Instagram a Facebook a Twitter.

alternate text

De Luca vaccinato, Feltri: "C'erano 5 dosi, una l'ha presa lui"

"Sono arrivati quattro o cinque vaccini e uno se lo è fatto De Luca. Bravo". Vittorio Feltri, con un tweet, interviene così su uno dei 'casi' della giornata. Nell'apertura della campagna di vaccinazione contro il coronavirus, fa discutere la decisione di Vincenzo De Luca. Il governatore della Campania, unico tra i politici a quanto pare, si è sottoposto alla vaccinazione. Le prime dosi, secondo quanto ribadito dalle autorità in queste settimane, sono andate soprattutto a operatori sanitari e anzi...

alternate text

Feltri 'difende' Saviano: "Verona sbaglia"

Revocare la cittadinanza onoraria di Verona allo scrittore Roberto Saviano è una cosa “sbagliatissima. In questo gesto c’è anche della volgarità, molta volgarità”. La pensa così il direttore di Libero Vittorio Feltri che all’AdnKronos critica la scelta del consiglio comunale della città veneta.

alternate text

Codacons contro Mattia Feltri: "Censura, parte class action"

Anche il Codacons si scaglia contro il direttore dell’HuffingtonPost Mattia Feltri che, dopo il caso di Laura Boldrini, secondo l'associazione "si è reso protagonista di un altro grave caso di censura. Feltri crede di poter fare ciò che vuole della testata che dirige, ma sbaglia di grosso -afferma il Codacons- Oggi, nel tentativo di difendersi dalle accuse sulla censura all’onorevole Boldrini, afferma in un articolo a sua firma di aver chiuso il blog del presidente Carlo Rienzi (ospitato dal sito...

alternate text

Feltri su Genovese e la ragazza "ingenua", è bufera

Caso Genovese, è polemica sulle parole di Vittorio Feltri. A scatenare l'inferno è il suo editoriale che su Libero - alla vigilia della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne - definisce "ingenua la ragazza stuprata", aggiungendo come "i cocainomani" vanno "evitati. Il riferimento è alla vicenda dell'ex re delle start up, finito in carcere con l'accusa di aver drogato e violentato una diciottenne, durante una festa nel suo attico in centro a Milano a inizio ottobre.

alternate text

Feltri insiste su caso Genovese: "Se mi attaccano ho ragione"

"Quando vengo attaccato con livore dagli sciocchi sono molto contento. Significa che ho ragione". Vittorio Feltri reagisce così, su Twitter, al coro di critiche per l'articolo su Libero con cui si è espresso sul caso Genovese e in particolare sulle rivelazioni di una ragazza di 18 anni, che ha denunciato abusi e violenze sessuali. "Lo stupratore è sempre un delinquente, ma chi lo frequenta non fa una cosa buona. Il vero problema è la droga. Statene alla larga", twitta Feltri, il cui articolo è st...

alternate text

Feltri: "Twitter bordello guidato da dementi, me ne vado"

"Me ne vado da Twitter". Lo annuncia Vittorio Feltri sullo stesso social network, con tanto di polemica per la scarsa diffusione dei suoi post. "I miei cinguettii non vengono più diffusi e nessuno mi spiega perché pertanto chiedo di togliermi da questo bordello guidato da dementi. Via, me ne vado", dice il fondatore di Libero. Dopo una pausa di qualche ora, Feltri torna sull'argomento in un altro post dal linguaggio ancora più esplicito. "Cari c...di Twitter cancellate subito me dal vostro social...

alternate text

Strage Bologna, Feltri all'Adnkronos: "Mambro e Fioravanti non c'entrano"

La strage di Bologna del 2 agosto 1980 “non è mai stata chiarita”. Lo afferma all’AdnKronos il direttore di Libero Vittorio Feltri che aggiunge: “Non credo che c’entrino Francesca Mambro e Valerio Fioravanti. Non mi persuade questa interpretazione della vicenda. Non credo neanche che avessero la forza per organizzare una cosa simile. Non gli si può addossare la colpa della strage di Bologna che esigeva evidentemente un’organizzazione diversa”.

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza