cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

allarme

alternate text

Sala a Ferragni: "Non condivido suo allarme sicurezza a Milano"

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, non condivide l'allarme sulla sicurezza lanciato dall'influencer Chiara Ferragni. Ma promette che lavorerà "ancora di più" su un tema sensibile per la città. All'allarme sicurezza dell'imprenditrice digitale "non rispondo", ha replicato il primo cittadino di Milano. "Le mie risposte sono sempre attraverso il lavoro. Lavoreremo ancora di più. Non condivido quello che lei dice, ma capisco che sia un tema delicato e che c’è una sensibilità della città". La situaz...

Stragi, Colombo: "Desecretare archivi Giovannone, movimento opinione solleciti verità"

''C'è poi un fonogramma della polizia, che 22 o 23 giorni prima, lanciava un allarme di un possibile attentato da parte del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, che non era certo una prova ma che curiosamente non arriva nei fascicoli dell'istruttoria bolognese. Noi lo scopriremo solo tre decenni dopo''. Lo ha detto l’avvocato Valerio Cutonilli, intervenendo al convegno 'Milano, Brescia, Bologna: quale verità storica sulle stragi'.

alternate text

E' allarme grano per Federalimentare, segnali positivi da Ue per Coldiretti

La Federalimentare lancia l'allarme per gli approvvigionamenti di grano, oltre che per l'aumento dei prezzi, a causa delle difficoltà legate alla guerra in Ucraina mentre dalla Coldiretti giunge un messaggio rassicurante grazie al Piano d'azione Ue per salvare un terzo delle esportazioni di cereali, dal grano al mais fino all’orzo, che l’Ucraina indirizza ogni anno verso i Paesi dell’Unione.

alternate text

Oricon: "Con rincari energetici a rischio pasto bambini in mensa"

Con queste parole Carlo Scarsciotti, presidente di Oricon, Osservatorio Ristorazione Collettiva e Nutrizione lancia l’allarme affinché il Governo intervenga a sostegno del Settore della Ristorazione Collettiva, in cui circa la metà dei ricavi deriva da contratti di appalto a prezzi fissi.

alternate text

Coronavirus, crematori ingolfati, bare all'aperto e loculi carenti: l'allarme delle agenzie funebri

Loculi carenti, manufatti fatiscenti, camere mortuarie piene, forni ovunque sotto stress con tempi di cremazione biblici e file di cadaveri accantonati nelle bare all'aperto al romano cimitero Flaminio: è Giovanni Caciolli, segretario nazionale di Federcofit, Federazione del comparto funerario italiano, a descrivere un sistema in forte difficoltà "per ragioni storiche, dato che i cimiteri sono stati trattati negli ultimi 15 anni come luoghi su cui risparmiare a partire dal personale, che scarsegg...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza