cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 11:32
Temi caldi

asma

'Non lasciare all'asma la prima mossa', campagna Gsk

'Act don’t react'. O più semplicemente 'non rimandare a domani quello che puoi fare oggi'. Una raccomandazione che in questo caso riguarda una patologia, quale l'asma. E' che è il claim della campagna di 'disease awareness' promossa da Gsk, rivolta a tutti, indipendentemente dall’età (http://actdontreact.gsk.com/it-it/), e raccontata anche sui social dell'azienda farmaceutica. Semplice, diretta, soprattutto scevra da moniti e da sensi di colpa, la campagna, nel video d’apertura, va dritto al punt...

alternate text

'Non lasciare all'asma la prima mossa', campagna Gsk

'Act don’t react'. O più semplicemente 'non rimandare a domani quello che puoi fare oggi'. Una raccomandazione che in questo caso riguarda una patologia, quale l'asma. E' che è il claim della campagna di 'disease awareness' promossa da Gsk, rivolta a tutti, indipendentemente dall’età (http://actdontreact.gsk.com/it-it/), e raccontata anche sui social dell'azienda farmaceutica. Semplice, diretta, soprattutto scevra da moniti e da sensi di colpa, la campagna, nel video d’apertura, va dritto al punt...

alternate text

Cecchi (Aaiito): "Inquinamento fattore di rischio per cuore e polmoni"

"L'inquinamento dell'aria è il principale fattore di rischio per la salute. Di recente il 'New England Journal of Medicine' lo ha inserito tra i fattori di rischio cardiovascolare al pari di ipertensione e colesterolo, e dovrebbe essere considerato un fattore di rischio anche per le malattie respiratorie". Lo ha detto Lorenzo Cecchi, presidente eletto dell'Associazione allergologi, immunologi italiani territoriali e ospedalieri (Aaiito), intervenendo al talk 'Urban health. Respirare in città', se...

alternate text

Scienza & Salute: 'tutti i rischi del cambio di stagione per i bambini'

Tonsilliti, otiti, asma e polmoniti. Sono alcuni dei problemi che affliggono i bambini al 'cambio di stagione'. Alla prevenzione e alle cure di queste patologie è dedicata l'ultima puntata di BioMedical, la trasmissione ideata dall’immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina Personalizzata. Minelli e i suoi ospiti hanno affrontato il tema delle problematiche respiratorie e influenzali nei bambini, anche alla luce dell'emergenza sanitaria da nuovo coro...

Vaccino Covid sicuro anche per chi ha asma grave, studio italiano

Più dell’80% dei pazienti con asma grave non ha avuto alcun effetto collaterale dopo il vaccino a mRna, né dopo la prima né dopo la seconda dose. Fra i pazienti che hanno avuto eventi avversi, nel 95% dei casi si è trattato di piccoli fastidi molto comuni; in nessun caso si è verificato un peggioramento dell’asma. Lo dimostra il primo studio italiano condotto su questi pazienti da esperti della Società italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaaic).

alternate text

Farmaci, in Italia primo anti-asma grave eosinofilico refrattario nei bimbi

Ad ognuno la sua cura: poter offrire ad ogni paziente il trattamento più indicato per il suo caso significa ottimizzare i risultati della cura, migliorare l’appropriatezza terapeutica e l’aderenza da parte del malato. Questa regola è particolarmente valida per i bambini, che non sono 'piccoli adulti' ma hanno caratteristiche specifiche, sia per lo sviluppo fisico, sia per le manifestazioni di malattie come l’asma grave, che si presenta con fenotipi diversi. Su questo fronte, c’è una novità terape...

alternate text

Il 10% degli asmatici con forma severa, in Italia penna per terapia 'fai da te'

Una rivoluzione della qualità della vita per chi soffre di asma severo, forma grave che colpisce il 10% degli asmatici. E' la terapia 'fai da te' con la penna per l'autosomministrazione dell'anticorpo monoclonale mepolizumab che, su prescrizione medica, può essere autosomministrato dal paziente a domicilio ogni 4 settimane grazie ad una semplice penna pre-riempita. L'asma severo può scatenare attacchi di 'fame d’aria' estremamente seri, tanto da costringere ogni anno 4 persone su 10 a ricorrere a...

alternate text

Coronavirus, in pazienti con Bpco e virus quadri clinici più gravi

I pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), enfisema e asma, "hanno presentato quadri clinici più gravi quando colpiti dal coronavirus". Il 6-8% della popolazione italiana è affetto da Bpco, che ha come principale bersaglio l’apparato respiratorio. In base ai dati dell’Istituto superiore di sanità (Iss) sulle patologie preesistenti, in 3.335 soggetti sul totale di 32.448 deceduti, la Bpco era presente nel 16,6% del campione (dati al 4 giugno). A fare il punto gli esperti durante u...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza