cerca CERCA
Venerdì 27 Maggio 2022
Aggiornato: 18:59
Temi caldi

cartabia

alternate text

Carceri, al Beccaria di Milano presentato progetto 'Palla al Centro' con Cartabia

La ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha visitato questa mattina l’istituto penale per i minorenni (Ipm) Cesare Beccaria di Milano. Durante la visita le sono state illustrate le iniziative del progetto 'Palla al Centro' della Fondazione Francesca Rava, nell’ambito di un accordo di collaborazione con il Tribunale per i minorenni di Milano e con il Centro per la Giustizia Minorile per la Lombardia. Il progetto realizza percorsi di rinascita per i ragazzi dell’Ipm e sensibilizza la comunità s...

alternate text

Giustizia, Ocf: "Bene Cartabia su accelerazione riforma ordinamento giudiziario"

L’Organismo Congressuale Forense accoglie con interesse e soddisfazione le recenti dichiarazioni del Ministro Cartabia in merito alla imminente accelerazione dell’iter di riforma dell’ordinamento giudiziario. "L'intendimento di coinvolgere nelle consultazioni anche la massima rappresentanza istituzionale forense è lodevole - scrive il Coordinatore dell'Ocf Giovanni Malinconico - ma è necessario ascoltare anche l'Organismo di indirizzo politico dell'Avvocatura Italiana, trattandosi di una question...

Giustizia: ministero, da Cts ok a concorso magistratura, prove a metà luglio

Ricevuto il parere positivo del Comitato tecnico scientifico, il ministero della Giustizia sta lavorando a pieno ritmo, per consentire che le prove scritte del concorso per magistratura (concorso per 310 posti di magistrato ordinario, indetto con d.m. 29 ottobre 2019) si possano svolgere giovedì 15 e venerdì 16 luglio contemporaneamente in sei sedi, dislocate in diverse regioni del nord, del centro e del sud Italia. La ministra Marta Cartabia ha firmato giovedì scorso il decreto ministeriale, pre...

alternate text

Perruggini ('Anni di Piombo'): "Ridare dignità a vittime terrorismo ancora oggi oltraggiate"

"Ormai è chiaro ed incontrovertibile che non ci possiamo affidare a quella "legge morale" che dovrebbe muovere il governo francese verso l'unica decisione giusta da prendere, cioè rimandare in Italia i 15 assassini che durante gli Anni di Piombo hanno solamente generato dolore e odio sociale. Ma se vogliamo che il tempo non estingua il diritto dei cittadini italiani ad avere giustizia c'è bisogno che il presidente Mario Draghi intervenga in sede europea al più presto portando il caso direttamente...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza