cerca CERCA
Mercoledì 21 Aprile 2021
Aggiornato: 19:51
Temi caldi

caso regeni

alternate text

Regeni, genitori: "Denuncia contro governo per vendita armi a Egitto"

"Assieme alla nostra legale abbiamo predisposto un esposto-denuncia contro il governo italiano per violazione della legge 185/90, che vieta l'esportazioni di armi verso Paesi, i cui governi sono responsabili di gravi violazioni dei diritti umani accertati dai competenti organi dell'Ue, dell'Onu e del Consiglio d'Europa e il governo egiziano rientra certamente tra quelli che si sono macchiati di queste violazioni". Lo hanno annunciato Paola e Claudio Regeni, i genitori di Giulio, a Propaganda Live...

alternate text

Regeni, Egitto: "Nessun processo, accuse italiane senza prove"

'Attualmente non esiste una base per procedere con un procedimento penale sull'omicidio, il rapimento e l'omicidio di Giulio Regeni''. E' quanto si legge in una nota della procura egiziana, nella quale si afferma che gli autori del crimine restano sconosciuti dopo aver ''ascoltato 120 testimoni''. I sospetti e le accuse mossi dalle autorità italiane non sono accompagnati da prove, afferma ancora la procura del Cairo, decidendo quindi di non tenerli in considerazione. E viene inoltre spiegato che ...

alternate text

Libia, Colombo (Iai): "Plausibile legame tra rilascio pescatori e caso Regeni"

E' "plausibile" che ci sia un legame tra il rilascio dei pescatori in Libia ed il caso Regeni e che il governo egiziano, "non necessariamente il presidente al-Sisi", abbia convinto il generale Khalifa Haftar a lasciar partire gli italiani. Lo afferma ad Aki-Adnkronos International Silvia Colombo, responsabile di ricerca del programma Mediterraneo e Medio Oriente presso l'Istituto affari internazionali (Iai),lal'indomani della visita a Bengasi del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e del mi...

alternate text

Caso Regeni, vertice a Palazzo Chigi con Conte e ministri

A quanto apprende l'Adnkronos, c'è stato questa mattina un vertice a Palazzo Chigi sul caso Regeni tra il premier Giuseppe Conte, il ministro agli Affari esteri Luigi Di Maio, la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese e il responsabile della Difesa Lorenzo Guerini. Nel corso della riunione è stata sollevata la questione dei rapporti con l'Egitto.

alternate text

Regeni, l'ambasciatore Masset replica ad Augias

"Ho grande rispetto per Corrado Augias". Lo ha scritto in un tweet l'ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, in risposta al giornalista, che in un editoriale pubblicato oggi su Repubblica, ha annunciato che restituirà la Legion d'Onore concessagli dalla Francia in memoria di Giulio Regeni, in polemica per il riconoscimento concesso da Emmanuel Macron al presidente egiziano. "La Francia è in prima linea per i diritti umani e non fa compromessi. Più casi sono stati discussi durante la visit...

alternate text

Regeni, Augias: "Restituisco Legion d'Onore, ma disposto a rivedere giudizio"

Corrado Augias conferma che domani andrà all'Ambasciata di Francia per restituire le insegne della Legion d'onore. "Ho la massima simpatia per l'ambasciatore francese a Roma - dice all'Adnkronos commentando il tweet dell'ambasciatore francese Masset - e la frase con cui chiude il tweet mi fa pensare che nei tanti cassetti della diplomazia forse Macron ha messo anche un 'cassetto' riservato alla memoria di Regeni: se così fosse vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà e in quel caso sarò disposto ...

alternate text

Caso Regeni, Fico: "Italia indignata, situazione di gravità assoluta"

"Come Camera dei deputati manterremo ferma la nostra azione rispetto al chiudere le relazioni diplomatiche con l'Egitto. Siamo stati senza dubbio sconcertati da quello che hanno scritto i procuratori della Repubblica italiana perché sono delle accuse alla National Security egiziana gravissime, delle parola assolutamente agghiaccianti" sulla "descrizione delle torture che ha subito Giulio Regeni. Oggi noi sappiamo che Regeni è stato seguito e intercettato per 40 giorni dalla National Security egiz...

alternate text

Caso Regeni, 5 anni di indagini tra silenzi e depistaggi Egitto

Sono passati quasi cinque anni dall’omicidio di Giulio Regeni, rapito, torturato e ucciso in Egitto. Cinque anni di indagini sulla morte del ricercatore friulano che la Procura di Roma ha portato avanti nonostante i depistaggi e le mancate risposte del Cairo alle richieste degli inquirenti italiani. c

alternate text

Caso Regeni, la mamma di Giulio: "Lotta va avanti, Conte e Di Maio cosa fanno?"

"Qualche tempo fa nessuno avrebbe pensato che saremmo arrivati dove siamo oggi. E' una tappa importante nella ricerca delle verità ma anche per la democrazia italiana e non solo. Nessuno ci avrebbe scommesso, noi invece scommettiamo che ce ne saranno altre anche perché noi non ci fermiamo". Lo ha detto Paola Deffendi, madre di Giulio Regeni, collegata via streaming alla conferenza stampa che si è svolta alla Camera sulla chiusura dell'inchiesta della procura di Roma sul sequestro e la morte del r...

alternate text

Regeni, "seviziato per giorni fino a morte"

Seviziato con acute sofferenze fisiche "in più occasioni ed a distanza di più giorni". E’ quanto emerge nell’atto di conclusione delle indagini con cui la Procura di Roma, con il procuratore capo Michele Prestipino e il pm Sergio Colaiocco, contestano al maggiore Magdi Ibrahim Abdelal Sharif, oltre al reato di sequestro di persona pluriaggravato, anche il concorso in lesioni personali aggravate e in omicidio aggravato.

alternate text

Caso Regeni, inchiesta chiusa: quattro 007 egiziani verso processo

La Procura di Roma ha chiuso le indagini sul caso dell’omicidio Giulio Regeni, il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso nel 2016 in Egitto. A due anni dall’iscrizione nel registro degli indagati degli 007 egiziani appartenenti alla National Security, avvenuta il 4 dicembre 2018, il procuratore capo Michele Prestipino e il sostituto Sergio Colaiocco, che in questi anni ha seguito l’inchiesta, hanno rispettato la deadline sulla chiusura dell’indagine contestando, a seconda delle posizioni...

alternate text

Zaki, udienza: domani decisione tribunale

"Come già successo in precedenza si saprà domani cosa ha deciso oggi il giudice della terza sezione del tribunale anti terrorismo de Cairo su Patrick Zaki". Lo ha detto all'Adnkronos Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International in Italia

alternate text

Caso Regeni, la famiglia: "Ennesimo schiaffo, governo richiami ambasciatore"

"Prendiamo atto dell’ennesimo incontro infruttuoso tra le due procure. Le strade tra le due procure non sono mai state cosi divise. In questi 5 anni abbiamo subito ferite e oltraggi di ogni genere da parte egiziana, ci hanno sequestrato, torturato e ucciso un figlio, hanno gettato fango e discredito su di lui, hanno mentito, oltraggiato e ingannato non solo noi ma l’intero Paese". Così in una nota Paola e Claudio Regeni e l’avvocato Alessandra Ballerini.

alternate text

Caso Regeni, procura di Roma va avanti. Egitto: "Prove insufficienti"

La Procura di Roma è pronta a chiudere le indagini sul caso di Giulio Regeni, il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso nel 2016 in Egitto, a carico di cinque 007 egiziani appartenenti alla National Security accusati di sequestro. E’ quanto ha comunicato il procuratore capo di Roma Michele Prestipino al procuratore Generale d’Egitto nel corso di un nuovo incontro.

alternate text

Caso Regeni, Camera proroga durata commissione inchiesta

La Camera ha prorogato con 451 voti e favore e un contrario, la durata, fino al 3 ottobre 2021, dei lavori della commissione di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, fermo restando il termine, nei successivi due mesi, per la redazione della relazione conclusiva sui risultati dell'indagine.

alternate text

Caso Regeni, Conte chiama al Sisi

Il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi ha ricevuto stamani una telefonata dal premier italiano Giuseppe Conte, in cui sono stati esaminati "gli ultimi sviluppi della cooperazione congiunta tra le autorità giudiziarie in merito alle indagini in corso sul caso dello studente italiano Giulio Regeni" ucciso al Cairo all’inizio del 2016.

alternate text

Egitto, Zaki incontra la famiglia: "Stato mentale deteriorato"

La famiglia di Patrick Zaki, il ricercatore egiziano dell'università di Bologna detenuto nella prigione di Tora, al Cairo, dopo essere stato arrestato a febbraio con l'accusa di propaganda contro il governo ha potuto incontrare il giovane la settimana scorsa in carcere. "Hanno scoperto che invia regolarmente lettere alla sua famiglia e ai suoi amici, ma ne abbiamo ricevute solo due in cui ci ha rassicurato sul suo benessere e ci ha chiesto alcuni detersivi e medicine, e non ha ricevuto nemmeno le...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza